L’ira di Rifondazione contro il Pd perché partecipa alla cerimonia di Sergio Ramelli: “Opportunisti”

sabato 27 aprile 18:18 - di Redazione

“Lunedì 29 aprile a Milano per la prima volta il Partito democratico parteciperà alle cerimonie istituzionali per commemorare Sergio Ramelli ed Enrico Pedenovi. Un gesto opportunista dettato da ragioni di visibilità elettorale”. Lo scrive in una nota la federazione di Milano di Rifondazione comunista-Sinistra Europea. “Una presenza inopportuna perché in nome di una supposta pacificazione, fornisce ai neofascisti una sponda politica inaspettata per insistere sul corteo del 29, come richiesto dalla Lega e da Fratelli d’Italia – denuncia Prc-Sinistra europea – Coerenza vorrebbe che sulla vicenda umana di Sergio Ramelli ci si astenesse da parole inutili. Coerenza e silenzio rispettoso da parte di chi mai, come partito ha preso parte al ricordo dei giovani militanti antifascisti assassinati dai fascisti. Ricordiamo che i morti sono stati vivi e che la loro fine, anche se tragica, non cancella scelte e militanza”. “Saremo in piazzale Loreto lunedì alle 18.30 con gli antifascisti e le antifasciste che alle dichiarazioni rispondono con la presenza – conclude la nota – per tutelare i luoghi della memoria e impedire che in questa città abbia luogo l’ennesimo corteo nero”. Comunicato oscuro, dal quale traspare chiaramente solo il fatto che i comunisti, alcuni dei quali assassinarono Sergio Ramelli a colpi di chiave inglese, non vogliono né cercano alcuna pacificazione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi