In 20mila per dire “Sì Tav”. Lega e FI non partecipano. FdI in piazza col Tricolore (video)

6 Apr 2019 17:36 - di Sveva Ferri

Successo a Torino per il corteo “Sì Tav”, che si è aperto sulle note dell’Inno alla gioia e ha sfilato per la città con migliaia di palloncini arancioni. Alla manifestazione, la terza dal 10 novembre, hanno partecipato 20mila persone e aderito 40 sigle del mondo sindacale e produttivo. Presenti, inoltre, delegazioni di diversi partiti, da FdI al Pd, fino a +Europa. Assenti, invece, la Lega e Forza Italia, che pure si dicono convintamente a favore dell’opera. Per gli azzurri ha partecipato Laura Comi, ma «a titolo personale», mentre Silvio Berlusconi ha annunciato una prossima visita al cantiere. Per il Carroccio, poi, Salvini ha ribadito a distanza per l’ennesima volta che «sicuramente si troverà un accordo con il M5S». Insomma, da quelle parti sembra proprio che le logiche politiche e la necessità di evitare imbarazzi per le alleanze abbiano preso il sopravvento.

FdI in piazza con il tricolore

«Sì Tav: Fratelli d’Italia oggi in piazza a Torino con le bandiere tricolori per chiedere sviluppo, infrastrutture, sostegno per le eroiche imprese italiane», ha scritto Giorgia Meloni sulla sua pagina Facebook, ricordando che proprio Torino è stata scelta da FdI per la propria conferenza programmatica nazionale, che si terrà il 13 e 14 aprile al Lingotto. Lì, ha sottolineato Meloni, «ribadiremo con ancora più forza questi concetti». Della delegazione di Fratelli d’Italia facevano parte tra gli altri la deputata Augusta Montaruli e il dirigente nazionale Maurizio Marrone. E sono stati proprio loro a richiamare il Pd a una maggiore coerenza.

Il “selfie sbugiarda-Chiampa”

Al corteo il partito era rappresentato dal presidente della Regione, Roberto Chiamparino e da Maria Elena Boschi. «Bisogna continuare a mantenere l’attenzione politica e democratica sul Tav», ha detto Chiamparino, mentre Boschi ha spiegato che «abbiamo bisogno di una risposta ora, abbiamo bisogno che si aprano i cantieri, tutto il Paese ha bisogno di grandi opere infrastrutturali che non ci taglino fuori dall’Europa». Ma lo stesso Pd in Regione è al fianco del fronte “No Tav”, come ricordato da Montaruli e Marrone. «In piazza oggi a manifestare per la Tav non c’erano né Grimaldi (consigliere regionale di Liberi e Uguali, che a Palazzo Lascaris siede tra le fila della maggioranza, ndr) né “Liberi, Verdi e Uguali”», hanno sottolineato gli esponenti di FdI, aggiungendo che «per rinfrescare la memoria a Chiamparino, che si fa sostenere dai No Tav, abbiamo portato pure la sagoma di Grimaldi e lanciamo il selfie sbugiarda-Chiampa per ricordare chi è davvero per la Tav e chi continua a tenersi gli oppositori dell’opera».

La soddisfazione delle “madamine”

«La manifestazione è un successo, siamo contente perché dimostra che Torino e il Piemonte sono compatte per dire “Sì Tav subito”», hanno commentato le “madamine”, che hanno promosso il corteo insieme a “Sì Tav Sì lavoro” e Osservatorio 21. Mentre è stata la presidente di Ascom e Confcommercio Torino, Maria Luisa Coppa, a spiegare che «oggi dalla piazza di Torino parte un avviso ai naviganti: ai candidati alle prossime europee e regionali diciamo che non si può perdere un collegamento strategico come la Torino-Lione». «Le imprese torinesi e piemontesi sono pronte a fare la loro parte per la crescita del Paese, la Tav è imprescindibile per lo sviluppo dell’economia e la politica deve permette alle aziende di fare il loro lavoro nel migliore dei modi», ha concluso Coppa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA