Il nigeriano non vuole essere trasferito: nudo e fuori di sé minaccia tutti con una chiave inglese

sabato 13 aprile 15:44 - di Redazione

Si è tolto i vestiti, poi nudo e minaccioso, brandendo una chiave inglese si è avvicinato agli  operatori del Ferrhotel intimando loro di non provvedere al suo trasferimento: dopo poco, a seguito di una violenta colluttazione, il nigeriano è stato arrestato dalle forze dell’ordine e, è molto probabile, che i provvedimenti a suo carico non finiscano qui: a suo nome, infatti, potrebbe arrivare anche un decreto di espulsione.

Nigeriano ospite di una struttura a Lecco non vuole essere trasferito

La causa di tanta rabbia e di una così sproporzionata reazione da parte dell’immigrato africano si deve alla decisione di trasferire lo straniero a Cremeno, un comune vicino Lecco. Una notizia che l’uomo non ha preso bene fin dal primo istante e che, dopo un primo momento di nervosismo, si è tradotta in una furia di difficile gestione che, all’arrivo degli educatori della onlus “Progetto Arca”, arrivati sul posto per portarlo via con loro, è diventata violenza incontenibile. come riferisce ancora in queste pre il sito de Il Giornale, infatti, «intenzionato a restare nella struttura di via Ferriera, il nigeriano è diventato subito violento, arrivando ad aggredire chiunque tentasse di farlo ragionare. A subìre gli effetti della sua rabbia non soltanto i dipendenti del centro ed i compagni dello straniero, ma gli stessi interni del Ferrhotel». Stando infatti a quanto riportato con dovizia di particolari dai quotidiani locali, infatti, – Lecco Today in testa a tutti – oltre a comportamenti minacciosi avuti contro le persone, il nigeriano si è accanito anche contro la struttura, tanto che alla fine della vicenda, alcune porte ed una parete della struttura sono risultate danneggiate.

Si denuda e minaccia gli operatori con una chiave inglese: arrestato

L’apice della situazione, però, si è verificato quando l’immigrato africano 25enne, come riporta sempre il quotidiano milanese diretto da Sallusti, «dopo essersi completamente denudato, ha afferrato una chiave inglese con la quale non ha esitato a minacciare gli operatori, che cercavano di avvicinarlo». Solo l’arrivo di ben 3 volanti, 2 mandate d’urgenza sul posto dalla questura di Lecco e una terza dalla caserma dei carabinieri, ha messo fine al delirio violento dello straniero che, disarmato e bloccato, è stato neutralizzato e portato via. Arrestato con le accuse di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, prima di essere trasferito in cella il nigeriano  è stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale di Lecco dove è stato visitato e medicato. Ora per l’immigrato si attende la decisione del giudice, che si esprimerà durante il giudizio direttissimo: non è escluso, a questo punto, che il nigiariano possa essere destinatario di un provvedimento di espulsione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza