Debito pubblico, la voragine aumenta ancora col governo giallo-verde: + 70 miliardi

lunedì 15 aprile 12:29 - di Fortunata Cerri

Anche con il governo gialloverde aumenta la voragine del debito pubblico. A febbraio, infatti, il debito si attesta a 2.363 miliardi di euro, a fronte di 2.293,6 miliardi lo stesso mese di un anno fa. Lo rende noto Bankitalia nel Supplemento Finanza pubblica: fabbisogno e debito. quindi il debito è aumentato di 70 miliardi. L’aumento del debito è stato marginale rispetto ai 2.363,5 di gennaio 2019, mentre è più sensibile se confrontato con dicembre 2018, quando si si era attestato a 2.321,9 miliardi.

Debito pubblico, i dati di Bankitalia

Con un comunicato, Banklitalia puntualizza che i dati incorporano revisioni di portata limitata effettuate in occasione della Notifica trasmessa lo scorso 8 aprile alla Commissione europea, nell’ambito della Procedura per i disavanzi eccessivi. Rispetto alle cifre diffuse lo scorso 15 marzo, il debito è stato rivisto al rialzo di 0,8 miliardi nel 2016, 5,5 miliardi nel 2017 e 5,3 miliardi nel 2018. Le revisioni, spiega l’istituzione, riflettono principalmente l`ampliamento del perimetro delle Amministrazioni pubbliche definito dall’Istat in accordo con Eurostat. Sempre a febbraio, calano le entrate tributarie e si attestano a 28,93 miliardi di euro. A gennaio le entrate si erano attestate a 34,5 miliardi, mentre a febbraio 2018 erano state pari a 29,43 miliardi.

L’allarme dell’Ue

Il livello del debito, che supera il 130% del Pil ed eccede decisamente il limite del 60% posto in sede europea, preoccupa particolarmente la Commissione europea. Sul tema Pierre Moscovici ha ricordato che la situazione italiana sarà “riesaminata” in base ai dati di crescita che l’Ue pubblicherà il prossimo 7 maggio.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza