Centrodestra, spunta il patto del pesto. Toti: «Serve coalizione allargata»

martedì 16 aprile 14:56 - di Mariano Folgori

Cìè movimento nel centrodestra, soprattutto all’indomani della Conferenza progrmmatica di FdI a Torino”È venuto anche Salvini, è stato carino, vuol dire che vuole bene alla Liguria…”. In trasferta alla Camera, Giovanni Toti fa gli onori di casa alla degustazione di pesto genovese al mortaio. Tra gli ‘ospiti’ il premier Giuseppe Conte, vari parlamentari. Il governatore gongola, non nasconde la sua soddisfazione per la presenza del leader della Lega e lancia il ”patto del pesto, che unisce tutti e vale a tutte le latitudini…”. Toti si apparta a parlare a lungo con il ‘Capitano’. Cosa vi siete detti? ”Abbiamo parlato di politica e di europee, ognuno farà il suo…”, taglia corto il presidente della Regione Liguria.

«Il pesto unisce»

Accompagnato dai suoi fedelissimi Alessandro Sorte e Stefano Benigni, Toti non ha dubbi e rilancia il ‘modello Liguria’: ”Il pesto unisce, qui c’è una coalizione ampia, questo dimostra che piace la coalizione allargata come quella che governa in Liguria”. Arrivano anche i parlamentari azzurri liguri, il capogruppo alla Camera Mariastella Gelmini e il portavoce unico dei gruppi Giorgio Mulè. Toti scherza con la stampa: ”Oggi sono stato buono con FI…”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza