Casarini per sette ore davanti al pm, e fa battute contro Salvini: io non scappo dai processi

martedì 2 aprile 18:48 - di Redazione
Luca Casarini

E’ durato quasi sette ore l’interrogatorio fiume di Luca Casarini, il capo missione della nave Mare Jonio di Mediterranea, ascoltato dai pm di Agrigento nell’ambito dell’inchiesta che lo vede indagato per concorso in favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e mancato rispetto dell’ordine di arrestare l’imbarcazione da parte di una nave da guerra insieme con il comandante della nave Pietro Marrone.

Casarini, difeso dall’avvocato Fabio Lanfranca, è stato sentito dal Procuratore aggiunto Salvatore Vella e dalla pm Cecilia Baravelli. Secondo quanto apprende l’Adnkronos, Casarini, durante l’interrogatorio ha consegnato ai pm una documentazione relativa al viaggio della nave dal Mediterraneo fino alla costa di Lampedusa, con a bordo 49 migranti soccorsi, tra cui 15 minori. Casarini ha ripercorso le ultime 24 ore prima del sequestro della nave, poi dissequestrata dalla Procura.

Prima di iniziare l’interrogatorio ha scambiato qualche battuta con i cronisti: a chi gli chiedeva se avrebbe risposto alle domande del pm ha replicato lanciando una stilettata a Salvini: “Risponderò molto volentieri. Sono altri quelli che si nascondono e scappano dai processi“, ha affermato sprezzante. Un chiaro riferimento a Matteo Salvini e al caso-Diciotti.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ben Frank 3 aprile 2019

    Capirai, certo che non scappa davanti ai giudici: sono tutti di sinistra e molti, da ragazzi, tiravano con lui le molotov nelle “dimostrazioni” antifasciste per la demokrazia!

  • Maurizio Giannotti 3 aprile 2019

    Guardatelo bene in faccia: è la esemplificazione concreta delle teorie di Lombroso!!!

  • vincenzi 2 aprile 2019

    BUFFONE

  • In evidenza

    contatore di accessi