Bandiere di Tito a Trieste, Fedriga: “Squallidi. La sinistra umilia morti e dolore”

25 Apr 2019 18:57 - di Adriana De Conto

Bandiere di Tito a Trieste “in un luogo che dovrebbe essere di unità e di ricordo”. E il Pd che è preso da un attacco di afasia. Questo 25 aprile oltre a essere diventato una sagra paesana rivela aspetti vergognosi. Implacabile la rabbia di  Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli Venezia Giulia. “Chi ha partecipato alla manifestazione” dell’Anpi, della Cgil e delle altre associazioni partigiane e “di organizzazioni di sinistra” oggi a Trieste, “testimonia di non volere celebrare la festa della Liberazione, di non volere celebrare i morti, le sofferenze e la disperazione che ci sono state durante e dopo il secondo conflitto mondiale, ma vogliono invece mettere una bandiera partitica. Reputo questa cosa inaccettabile”,  ha ribadito Fedriga, a margine della cerimonia alla Risiera di San Sabba.

Fedriga:”La sinistra umilia morti e dolore”

Il sindaco di San Dorligo della Valle (Trieste), Sandy Clun, ha tra l’altro ricordato la mozione recentemente approvata dal Consiglio regionale del Friuli con cui l`Aula chiedeva di sospendere ogni contributo finanziario a soggetti pubblici o privati che negano il dramma delle Foibe e dell’ Esodo. Fedriga pertanto ha commentato: che in “un luogo che dovrebbe essere di unità e di ricordo”, “le istituzioni vengono utilizzate da rappresentanti della sinistra anche in discorsi ufficiali per fare politica, umiliando morti e sofferenze“. Ancora: “Penso che rievocare sofferenze per interesse partitico  sia di uno squallore infinito”.   Vergognose, sostiene Fedriga, anche le bandiere titine e della Palestina che si sono viste fuori dalla Risiera che vogliono umiliare i milioni di morti ebrei.. “Mi sorprende – conclude il governatore – che il Pd per convenienza partitica non condanni questi gesti, ma anzi si divida in due nelle manifestazioni”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA