Baci “rubati” al parco? Il paparazzo sbugiarda Di Maio: «Eravamo vicini a lui, non poteva non vederci»

giovedì 4 aprile 14:18 - di Lucio Meo

Scatti rubati? Una violazione della privacy di Di Maio quelle foto di lui e la fidanzata a Villa Borghese mentre si baciano? Il diretto interessato, in tv, da Barbara Palombelli, aveva negato la creazione di un set fotografico a beneficio dei giornali, dichiarandosi assolutamente inconsapevole di quelle foto scattate dai paparazzi. In radio, però, arriva la versione di uno dei fotografi che aveva immortalato la scena d’amore tra Di Maio e Virginia Saba, che ha raccontato a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, come sono nati quegli scatti nel parco di Villa Borghese, a Roma.
«Eravamo cinque fotografi, a circa trenta metri di distanza, lui era in mezzo a duecento persone. Non era un posato, immagino che lui sapesse che eravamo dietro a gli alberi a fare le foto, ma credo che sapesse solo questo, perché ormai è abituato alla nostra presenza». Sapevate che Di Maio sarebbe andato al parco? «Non sapevamo che sarebbe andato al parco, lo abbiamo seguito da casa sua, poi alla Galleria Borghese e fino alla villa, il tutto è successo domenica scorsa. Il servizio è durato circa quattro ore e avrò scattato cinquecento foto». Nella assoluta inconsapevolezza di Di Maio? Cinquecento scatti? Possibile?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Maurizio 4 aprile 2019

    Visto che tutte le sue ex dichiarano che nn ha mai fatto il maschio aveva bisogno di farsi riprendere con una donna per cercare credibilità

  • In evidenza

    contatore di accessi