Afghanistan, donne frustate in pubblico: a quando un corteo femminista contro la shaaria? (video)

martedì 2 aprile 17:56 - di GIovanni Trotta

Il Nuristan, o Noristan, è una regione dell’Afghanistan al confine con il Pakistan, una delle zone sotto il controllo dei talebani e dove vige la shaaria, la legge coranica. È comparso sui social un raccapricciante video, rilanciato anche da quotidiani italiani, in cui si vede la punizione “esemplare” contro alcune donne, tutte rigorosamente vestite col burkha, che consiste numerose frustate contro le giovani, colpevoli soltanto di aver ascoltato musica. Non è la prima volta che i talebani applicano così rigidamente la shaaria, ma il caso è preoccupante perché molti Paesi occidentali hanno annunciato in questi mesi il loro progressivo disimpegno dal Paese asiatico. I talebani stanno progressivamente riprendendo il controllo del Paese, soprattutto di alcune zone tribali, e stanno sottoponendo la popolazione alla shaaria.

L’Afghanistan verso una nuova guerra civile?

Quello che è certo è che si va verso una nuova guerra civile: ieri le forze di sicurezza afghane hanno ripreso il controllo di un distretto strategico della provincia nordorientale di Badakhshan. L’area era finita sabato in mano ai Talebani dopo due giorni di violenti scontri. Come riportano i media locali, il ministero della Difesa ha confermato che le forze di Kabul hanno “il controllo” del distretto di Arghanj Khaw. Il bilancio della battaglia non è ancora chiaro. Sabato consiglieri provinciali citati dall’agenzia Dpa parlavano di almeno 12 uomini delle forze di sicurezza afghane morti e cinque feriti. Il ministero della Difesa ha confermato l’uccisione di almeno 14 Talebani, compreso un comandante degli insorti nell’area. Su Twitter il portavoce del movimento impegnato da mesi in colloqui con gli Usa, Zabiuhllah Mujahid, ha negato la sconfitta degli insorti per mano delle forze afghane. “Il centro del distretto di Arghanj Khaw è stato abbandonato”, ha scritto sostenendo che i terroristi islamici siano riusciti a sottrarre equipaggiamenti militari alle forze afghane. “Sono false le rivendicazioni del nemico che sostiene di aver ripreso il centro del distretto con un’operazione militare – ha sostenuto ancora il portavoce dei Talebani – Ad Arghanj Khaw sono stati uccisi molti poliziotti mercenari”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza