Violenza alle donne, Salvini fa “ingelosire” la Boldrini: «Il Codice Rosso non si può fare»

venerdì 8 marzo 20:45 - di Redazione

8 Marzo, le iniziative di Salvini e del governo per contrastare la violenza sessuale alle donne fanno “ingelosire”  Laura Boldrini, che avrebbe voluto probabilemte promuoverle lei quando comandava alla Camera, Sotto attacco dell’ex terza carica dello Stato è  il Codice Rosso.  la nuova legge con cui il governo intende tutelare maggiormente le donne vittime di abusi sessuali.  Secondo la Boldrini -dice “rosicandi” la Boldrini- la richiesta tassativa del pm di vedere la parte lesa entro tre giorni dalla violenza”in un mondo ideale sarebbe auspicabile” ma “nella realtà italiana della giustizia” è un qualcosa di “inapplicabile”.”Andrebbe a creare delle enormi disfunzioni anche nelle misure cautelari. Laddove ci sono tante richieste, come nelle grandi procure, questo rischierebbe di far inceppare la macchina”, spiega furente a Skytg24 l’ex presidente della Camera commentando la proposta di legge presentata da Salvini e dal ministro Giulia Bongiorno.

 Il solito “problema culturale”

“La violenza sulle donne non si combatte solo con la procedura penale, che è importante ma non è l’unico dato”. “Il problema è culturale. Inoltre in tre giorni la donna è ancora sotto shock quindi, dopo che ha già parlato con le forze dell’ordine, chiamarla per fare un’altra testimonianza probabilmente non è la cosa più indicata in casi di violenza”, conclude Laura

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *