Verona, il Papa: «D’accordo sulla sostanza con qualche differenza sul metodo» (video)

sabato 30 marzo 14:38 - di Natalia Delfino

«Ho letto la risposta del segretario di Stato sul convegno di Verona e mi è sembrata equilibrata». Il Papa, dunque, si torva d’accordo con la sostanza del Congresso delle famiglie di Verona, ma non completamente con il metodo, come spiegato ai giornalisti in viaggio con lui verso Rabat. «Credo che siamo d’accordo sulla sostanza», ma con «qualche differenza sulle modalità» aveva detto qualche giorno il segretario di Stato Vaticano, Pietro Parolin, incalzato dai giornalisti sulle polemiche intorno all’evento.

Bergoglio: «La famiglia è una sola»

Solo un paio di giorni fa, nel corso della visita a Loreto, del resto, Bergoglio ha ricordato che «nella delicata situazione del mondo odierno, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna assume un’importanza e una missione essenziali. È necessario riscoprire il disegno tracciato da Dio per la famiglia, per ribadirne la grandezza e l’insostituibilità a servizio della vita e della società». Un concetto approfondito dal Pontefice nell’enciclica Amoris Laetitia, dove pur con alcune aperture ai divorziati, il Papa aveva chiarito che per la Chiesa la famiglia è una sola.

Il saluto del Papa al Congresso di Verona

Proprio a questo testo ha fatto riferimento il vescovo di Verona, Giuseppe Zenti, che ieri ha portato il saluto del Pontefice all’inaugurazione del Congresso delle Famiglie. «La famiglia è una sola, non esiste quella tradizionale e quella moderna, c’è la famiglia dove ci sono le due componenti, quella maschile e quella femminile che generano la vita, i figli, e poi ci sono altre forme come le unioni civili che hanno un grande valore, non ci dev’essere scontro, ma dialogo e rispetto reciproco», ha detto il prelato, che dal palco di Verona ha poi sottolineato che «il concetto moderno di famiglia tradizionale non è corretto, la famiglia naturale è l’istituzione più autentica» e che «l’aborto è un delitto da evitare».

Video

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi