Tav, Giorgetti avverte: “Per il no serve una legge del Parlamento. Salvini? Non s’è accucciato”

domenica 10 marzo 17:08 - di Lucio Meo

“Non abbiamo mai parlato di crisi di governo: siamo responsabili e siamo sempre stati disponibili, e lo siamo oggi, a cedere qualcosa per il bene comune”. Getta acqua sul fuoco, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti a ‘In mezz’ora in più’ su Rai Tre, parlando del nodo della Tav. Ma allo stesso tempo piazza un paletto pesantissimo:  “Per fermare la Tav serve un passaggio parlamentare“. Non proprio una passeggiata di salute, per la fragile maggioranza giallo-verde.

Giorgetti parla poi dei giorni alle spalle, tra incomprensioni e minacce reciproche, fino alla mediazione di Conte: “Noi siamo soddisfatti perché è la soluzione che noi avevamo presentato giovedì al tavolo. E’ stata approfondita sotto l’aspetto giuridico ed è una soluzione che permette al presidente Conte di intavolare un negoziato a livello internazionale con la Francia. Perché è inutile fare un tratto, come stanno facendo i francesi, se poi dalla parte italiana non viene fatto, o viceversa. Deve essere fatta nell’interesse reciproco”, ha detto ancora il sottosegretario leghista. “Noi pensiamo -ha aggiunto- che sia un’opera importante: le Alpi ci sono, ce le ha regalate il buon Dio e l’Italia per connettersi all’Europa deve passarci sotto. Quindi, interessa soprattutto all’Italia che l’opera vada avanti. Siamo disponibili a rivedere questo progetto, a
rivedere le opere che sono assolutamente indispensabili e quelle che non lo sono”. E ancora, “Salvini non è ‘tornato a cuccia’” come ha scritto Marco Travaglio su ‘Il Fatto‘ “ma ha visto accogliere in qualche modo la proposta che lui aveva messo sul tavolo”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *