Taranto, orge con i figli piccoli disabili: in manette una mamma “mostro”, il compagno e il suo amico

giovedì 7 marzo 11:49 - di Redazione

Mostri: non c’è altra definizione che tenga per i protagonisti di questa storia che arriva dalla Puglia. Per anni avrebbero violentato i figli minori con il suo compagno e un amico di famiglia. La mamma delle vittime e i due uomini, residenti in provincia di Taranto, sono stati arrestati da agenti della Squadra Mobile in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Giuseppe Tommasino, su richiesta del sostituto procuratore Francesco Ciardo. Sono accusati di violenza sessuale continuata in concorso e maltrattamenti. Le vittime sono minori con disabilità intellettiva che hanno 14, 12, 9 e 6 anni. Il più piccolo avrebbe subito abusi quando aveva 3 anni.

I fatti sono stati appresi attraverso le confidenze ricevute dai due minori, a seguito del loro collocamento in una casa famiglia, i quali avevano già riferito che uguale sorte era toccata pure agli altri due fratelli, oggi di anni 12 e 6. L’indagine, che ha previsto fra le altre cose l’ascolto protetto dei minori, col contributo di un consulente esperto in psicologia dell’infanzia, ha consentito ai poliziotti di accertare gli abusi subiti da tutti e quattro i minori.

I reati venivano consumati presso l’abitazione familiare e a volte nella casa di campagna dell’altro indagato; alla coppia viene altresì contestato il reato di maltrattamenti, avendo costretto i minori in un contesto di assoluto degrado, abbandonandoli all’interno dell’abitazione, impedendo loro di frequentare la scuola dell’obbligo, percuotendoli, non assicurando loro l’alimentazione quotidiana e la minima igiene personale.

L’azione tempestiva della Procura della Repubblica e del Gip del Tribunale di Taranto, in collaborazione con il Tribunale per i Minorenni di Taranto, ha consentito di impedire il protrarsi dei reati già consumati in danno delle quattro vittime, nonché la concreta possibilità che le stesse condotte potessero vedere vittime altri minori.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi