Tajani spara su Salvini e Meloni per farsi perdonare “le cose buone” di Mussolini

giovedì 28 marzo 13:47 - di Il Cavaliere Nero 😎

Da quando ha scoperto “le cose buone di Mussolini” Antonio Tajani ha perso la testa. Attaccato dalla sinistra e impaurito dalle critiche, si è fatto consigliare su come uscire dall’angolo e farsi perdonare dalla curva avversaria.

Et voila’ ha trovato la soluzione. Se n’è andato dai sempreverdi Udc, e ne ha sollecitato l’applausometro – scarso, per la verità – attaccando a testa bassa Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Le promesse della Lega di cambiare il Parlamento europeo dopo le elezioni di maggio? “Chiacchiere da tromboni”. E Giorgia Meloni? “È molto agitata perche’ non sa se arrivera’ al 4%, noi prenderemo 3-4 volte i voti di Fdi”. Potremmo dire, ad essere buoni, che Antonio Tajani è un inguaribile sognatore. In realtà le sue parole spiegano a sufficienza perché Forza Italia è in crisi profonda.

In particolare, il presidente del Parlamento Europeo ce l’ha con Giorgia Meloni: “Non ci faremo intimidire dagli insulti di una giovane signora che non sa neanche dove sta di casa l’Europa”. Peccato che si sia abbassato a toni così sconvenienti, il Tajani. Perché con i voti della “giovane signora” il Centrodestra ha ancora qualche speranza di esistere. Forza Italia lo sa perché vede una marea di amministratori andarsene proprio verso Giorgia Meloni, che non ha insultato proprio nessuno.

Altrimenti non sarebbe una dei protagonisti del processo di riaggregazione dei conservatori europei. E non avrebbe suscitato l’ammirazione, a Washington, dei delegati del partito di Donald Trump. Magari in Tajani c’è quella tipica gelosia che suscitano le stelle che nascono di fronte al crepuscolo di un mondo che svanisce.

Ma stia tranquillo: avrà sempre qualche amico su cui contare. Da queste parti forse si conosce poco l’Europa, e per questo non ci si innamora della poltrona numero del suo Parlamento. Ma si fiutano gli umori popolari. Li guardi bene i sondaggi…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi