Sfida acrobatica sui tetti di Como, 16enne cade: è gravissimo. Che cos’è il parkour (video)

sabato 30 marzo 12:13 - di Mia Fenice

A sedici anni rischia la vita per avere fatto un salto di otto metri dai tetti. Si ipotizza che stesse praticando il parkour, sport estremo che prevede di seguire un percorso superando gli ostacoli con salti, arrampicate, scalate. Ieri pomeriggio il sedicenne lo ha fatto, ma il tetto ha ceduto ed è precipitato nel vuoto, all’interno di uno spazio industriale.

Otto metri di volo. Dal primo pomeriggio di ieri, il minorenne di Mariano Comense, nel Comasco, è ricoverato con prognosi riservata nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia. In ospedale è arrivato con un politatrauma: fratture e ferite gravi alla testa, al torace, agli arti. Con il fratello maggiorenne e forse con un altro amico, il ragazzino era salito sulla sommità del capannone di un mobilificio, nella zona industriale di Mariano Comense. All’interno del capannone gli operai stavano lavorando, mentre i ragazzi passavano dal retro, si arrampicavano sul tetto e iniziavano la loro sfida. Come ricostruisce il Giorno.it, pochi minuti dopo le 14, una delle lastre di policarbonato che formano la copertura del capannone e sulla quale ha messo i piedi si è improvvisamente spezzata. Sotto di lui si è aperto il vuoto ed è precipitato, cadendo all’interno della struttura, dove gli uomini erano ancora al lavoro. I soccorsi sono stati immediati e il ragazzo è stato trasporto in elisoccorso in ospedale dove ora è ricoverato e le sue condizioni sono gravissime.

La passione per il parkour è nata nelle città di tutto il mondo anni fa, uno sport estremo che ha le sue regole e i suoi campioni da seguire: si chiama «percorso del combattente» ed è ispirato al percorso di guerra utilizzato nell’addestramento militare. Ma il vero obiettivo è quello di realizzare il video da mostrare e ottenere così i like. Nei loro video in rete, si fanno chiamare «ultimate parkour» e fanno parte di una rete che si incrocia in tutto il mondo.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza