Reddito di cittadinanza, è boom di richieste: superata quota 400mila

martedì 19 marzo 17:25 - di Redazione

“Un aumento costante di oltre 100.000 sottoscrizioni per il reddito di cittadinanza ogni settimana: sono 420.00 gli italiani che, alla fine della scorsa settimana, hanno depositato la propria domanda o preso l’indispensabile appuntamento nei Centri di assistenza fiscale (Caf). Ampiamente rodati, dopo le prime due settimane di attività agli sportelli e di contatto telefonico con gli utenti, gli operatori stanno risolvendo alcuni dei tanti quesiti e delle problematiche che la misura porta con sé: i documenti indispensabili da allegare alla domanda, i diritti degli extracomunitari, la data di sussistenza dei requisiti”. E’ quanto si legge in una nota della Consulta nazionale dei Caf.

Il punto della Consulta nazionale dei Caf

“Dalle strutture territoriali dei Caf – spiega – sono state inviate alle commissioni operative della Consulta dei Caf richieste di spiegazioni e chiarimento che, una volta elaborate, vengono inoltrate al ministero e all’Inps, al fine di favorire la miglior attuazione della misura garantendo la correttezza sostanziale del rdc”. “D’altronde, era facilmente prevedibile che nell’attuare un provvedimento così importante, arrivato a conclusione solo negli ultimi giorni prima della partenza effettiva, si scontassero difficoltà sui moduli, sulle procedure, su alcuni contenuti. E, proprio in questi giorni, camera e senato convertiranno definitivamente il provvedimento in legge dello Stato”, avverte.

Reddito di cittadinanza: la platea dei richiedenti

“La vera certezza – precisa – sulla equanimità e diffusione del rdc è data, come per altre misure governative, dal lavoro sviluppato dalla Consulta nazionale dei Caf a livello centrale (rapporti con i Ministeri e l’Inps) e dal lavoro certosino, estremamente organizzato e preciso, dei Caf sul territorio nazionale”. “L’obiettivo perseguito – sottolinea la Consulta – è quello di offrire il miglior servizio alla popolazione italiana quando necessita di assistenza e informazioni, come in questo caso, e quando si rivolge ai Caf in qualità di contribuente per la dichiarazione dei redditi che, tra qualche settimana, prenderà il via”. “L’attività sul territorio – precisa – permette ai Caf di essere un soggetto utile al perfezionamento delle norme e alla comprensione della realtà che il legislatore ha la necessità di conoscere: anche per favorire questo aspetto nei prossimi giorni la Consulta nazionale dei Caf fornirà i primi risultati di un panel su alcune casistiche e sulle caratteristiche della platea che si rivolge ai Caf per il reddito di cittadinanza in Italia”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza