4 anni e 4 mesi a don Glaentzer, prete pedofilo sorpreso in auto con una bimba (video)

martedì 5 marzo 19:37 - di Redazione
don Paolo Glaentzer_prete_pedofilo

Lo avevano sorpreso nella sua auto, un’Alfetta grigia, con una bimba di dieci anni e lui, don Paolo Glaentzer, settantunenne prete pedofilo, aveva cercato di difendersi nel modo peggiore, sostenendo di non immaginare che quella bambina fosse così piccola. Ma oggi il gup di Prato ha condannato don Glaentzer a quattro anni e quattro mesi di reclusione – la Procura di Prato aveva ha chiesto una condanna a 5 anni – con l’accusa di violenza sessuale su una minore .

La sentenza è arrivata al termine del giudizio, con rito abbreviato, svoltosi davanti al gup di Prato che ha stabilito anche un risarcimento di 50mila euro che don Paolo Glaentzer dovrà pagare alla minore.

Glaentzer, ex-parroco della chiesa di San Rufignano a Sommaia di Calenzano, in provincia di Firenze, venne arrestato il 23 luglio 2018 – e tuttora si trova agli arresti domiciliari – dopo essere stato sorpreso in auto con la bambina da un ragazzo della zona che si era insospettio dopo aver visto il prete allontanarsi in auto con la bimba e appartarsi nel buio.

Il ragazzo aprì all’improvviso lo sportello dell’auto sulla quale si trovava don Glaentzer, svestito, con la bambina. che aveva i pantaloni abbassati e la maglietta tirata su. Fece allontanare la piccola e, poi, aggredì il prete seguito da altre persone che erano intervenute, attirate dalle urla.

Il prete pedofilo fu salvato dall’arrivo dei carabinieri che sottrassero il prelato alla furia della folla.
Interrogato, don Glaentzer non ebbe problemi ad ammettere di aver incontrato la bambina altre 3-4 volte e si è difeso in maniera surreale sostenendo di aver immaginato che la ragazzina avesse 14-15 anni e non dieci e che fosse lei a prendere l’iniziativa.

La bimba proviene da una famiglia fortemente disagiata alla quale i servizi sociali del Comune avevano fatto togliere i tre figli per “incapacità genitoriale“. I genitori erano riusciti a riottenere l’affidamento ma i servizi sociali avevano nuovamente richiesto l’allontanamento dei tre ragazzini e proprio nelle more della decisione del Tribunale dei Minoridon Glaentzer era stato scoperto in auto con la bimba in atteggiamenti inequivocabili.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi