Nonna Peppa compie 116 anni: è pugliese ed è la persona più longeva d’Europa (video)

mercoledì 20 marzo 15:23 - di Redazione

È pugliese la persona non solo più anziana d’Italia, ma anche d’Europa. Spegne oggi 116 candeline sulla torta, Maria Giuseppa Robucci, nata a Poggio Imperiale, in provincia di Foggia, il 20 marzo 1903 nella età giolittiana, prima delle due guerre mondiali, quando la lira faceva aggio sull’oro. Ed ancora (altro primato) è la terza persona più longeva di sempre nata in Italia (la quinta in Europa), dopo Emma Morano e Giuseppina Projetto.

116 anni, 5 figli, 9 nipoti, 16 pronipoti

Maria Giuseppa Robucci è stata sempre molto religiosa, ha conosciuto Padre Pio al quale è molto devota. Vedova da molti anni, in passato si è occupata del bar del paese assieme al marito Nicola Nargiso, morto nel 1982. Ha avuto 5 figli, tre maschi e due femmine, tra cui suor Nicoletta delle Suore Sacramentine di Bergamo, che si è trasferita nella casa di riposo di San Severo per accudire la madre. La signora Robucci ha anche 9 nipoti e 16 pronipoti. La 116enne, che nel 2003 al compimento dei 100 anni è stata invitata alla trasmissione di Rai Uno La Vita in Diretta, mentre l’anno scorso le è stato dedicato un ampio servizio dalla trasmissione Quelle brave ragazze. In età molto avanzata, ha avuto due ricoveri in ospedali importanti, uno nel 2014 e l’altro nel 2017. Nella prima occasione è stata operata al femore.

Festa grande a Poggio Imperiale

Dal 2017 è socia onoraria dell’Associazione italiana risparmiatori. Nel 2012 è stata insignita del titolo di sindaco onorario del Comune di Poggio Imperiale.  Il segreto della longevità: mangiare poco e sano, mai un bicchiere di vino e mai una sigaretta. Ieri ha festeggiato l’onomastico (San Giuseppe) a casa della figlia Filomena Nargiso ad Apricena, dove è intervenuto anche l’assessore alle Politiche sociali del Comune. L’evento è stato allietato da una serenata a lei dedicata. Oggi festeggerà nella sua città natale, con i familiari e gli amici e le autorità cittadine.

Video

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza