Marsilio: «Spero che Biondi non molli. Il governo gli dia una risposta»

venerdì 15 marzo 15:32 - di redazione

«Incoraggio il sindaco Biondi ad andare avanti e mi auguro che questo suo gesto forte serva ad avere una risposta dal governo e che si arrivi a una soluzione». A dirlo il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, in merito alle clamorose dimissioni annunciate ieri dal sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi. «Mi auguro – prosegue il governatore dell’Abruzzo – che Biondi possa andare avanti nella gestione di un’amministrazione apprezzata dai cittadini». È ingiusto che un sindaco debba andare a Roma per sollecitare i soldi che gli spettano. «Posso testimoniare – aggiunge Marsilio – che prima di Natale, quando i 10 milioni di euro per il comune dell’Aquila non vennero inseriti nel maxi emendamento alla legge di bilancio, il sottosegretario per la ricostruzione post Terremoto Vito Crimi venne in commissione a rassicurare che col primo provvedimento utile sarebbero stati trasferiti.È passato gennaio, febbraio e ora siamo a marzo e questo non è avvenuto e trovo che non sia giusto che il sindaco debba fare un “pellegrinaggio” a Roma per chiedere questi soldi. Non è certo questa l’attenzione che L’Aquila merita».

Sull’argomento è sceso in campo anche l’ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso che punta l’indice contro le responsabilità e i ritardi di Palalzzo Chigi. «Le dimissioni del sindaco  Pierluigi Biondi sono solo un gesto di protesta per lo stato di abbandono da parte del governo. Sono stato all’Aquila una decina di giorni fa per ricordare il decennale del sisma e ho parlato con lui». Bertolaso racconta le confessioni di Biondi su tutte le difficoltà incontrate, le preoccupazioni per la totale assenza da parte del governo e di chi dovrebbe aiutare la ricostruzione dell’Aquila. «Mi sembra che non vi sia nulla di nuovo sotto il sole, visto che anche ad Amatrice, Accumoli, Arquata, insomma nelle zone colpite dal terremoto del 2016, stanno ancora in mezzo alle macerie. Evidentemente l’assistenza alle popolazioni terremotate non è una priorità di questo governo. Allo stato attuale  sindaci sono stati totalmente trascurati dalla nuova dirigenza», aggiunge Bertolaso bocciando senza appello le politiche del governo gialloverde sulla gestione del post-terremoto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *