Marcheschi (FdI): “Con Renzi e Nardella il centro di Firenze è diventato un suk”

giovedì 14 marzo 14:52 - di Penelope Corrado

Il candidato sindaco di Firenze Paolo Marcheschi (FdI), se verrà eletto, adotterà misure drastiche per combattere il degrado della città. «Renzi e Nardella hanno voluto togliere la Polizia annonaria – ricorda Marcheschi – che effettuava i controlli sulle attività commerciali. Adesso però sono le stesse attività commerciali, che rispettano le regole, a reclamare i controlli così da mettere fuorigioco quelle attività che fanno una concorrenza sleale. I commercianti che compiono irregolarità gettano ombre su tutto il mercato del commercio al dettaglio notturno fiorentino».

Marcheschi: “Con me sindaco una task force anti-degrado”

«Si dovrebbe far capire che Firenze mette al bando strane operazioni sui fondi commerciali, operazioni che in realtà nascondono l’intenzione di ottenere permessi di soggiorno o magari di riciclare soldi di altre attività. Nel concetto di combattere il degrado e decoro, i commercianti onesti sono dalla nostra parte – aggiunge Marcheschi, che è capogruppo regionale di FdI – Bisogna creare una task force per controllare capillarmente le attività commerciali: bisogna sanzionare chi non rispetta le regole e salvare tutti quei commercianti che, con onestà, svolgono il loro mestiere. Non si può andare a colpire indiscriminatamente tutti come intende fare il Comune, che con un’ordinanza, impone la chiusura degli esercizi commerciali alle ore 22».

“La sicurezza e il decoro di Firenze al primo posto”

«I negozi sotto i 150 metri quadrati, anche coloro che non vendono bevande alcoliche, sono costretti a chiudere – afferma Marcheschi – Le attività sopra i 150 metri quadrati, come ad esempio le gelaterie, yogurterie e cioccolaterie, possono somministrare invece fino alle 24. Si tratta di un coprifuoco assurdo, ordinanza che con molta probabilità il Tar boccerà. Al di là dei tecnicismi, che sono sterili tentativi di imporre limitazioni ai minimarket, bisogna ricordare che per il centro storico di Firenze, patrimonio Unesco, già esiste un regolamento che vieta la vendita di alcol da asporto dopo le 21.00. Per cercare di nascondere il problema dei minimarket e della indiscriminata vendita di alcolici, il Comune sostiene che sono stati effettuati oltre 3.000 controlli nei mesi scorsi e sono state elevate soltanto 17 sanzioni! Se i dati fossero davvero reali, a cosa serve questa ordinanza coprifuoco? Noi invece riteniamo che la realtà sia un’altra: Palazzo Vecchio, non ha la sicurezza e il decoro fra le priorità e infatti nonostante gli 800 vigili urbani a disposizione, non riesce a far uscire la sera alcun agente della municipale per effettuare controlli nei minimarket che continuano la loro diffusione di alcolici fuori orario e ai minori».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi