Il selfie che ammazza Salvini. L’ultimo veleno di Vauro contro il vicepremier pistolero

giovedì 7 marzo 11:29 - di Elsa Corsini

Vauro non si smentisce. Il vignettista toscano, rigorosamente anti-sovranista e anti-fascista, torna a puntare la sua matita (un po’ spuntata quando a ispirazione) contro Matteo Salvini. Una costante, un’ossessione per il disegnatore toscano. Alla notizia del via libero della legge sulla legittima difesa Vauro regala ai lettori del Fatto quotidiano una vignetta dal titolo “selfie fatale” nella quale Salvini per errore prende la sua pistola, scambiandola per il cellulare, la punta alla fronte viene trafitto da un proiettile.

Un augurio di morte per il vicepremier pistolero? Dov’è la satira? Altro che democrazia e pacifismo arcobaleno, Vauro Senesi si conferma il numero uno tra gli istigatori di violenza (dietro lo scudo dell’arte grafica) contro il nemico da sterminare. «E poi è Salvini che “semina odio”… Querela per il signor Vauro, che dite? E, alla faccia dei sinistri, buona giornata Amici», è il post mattutino del vicepremier leghista in risposta all’ennesima vignetta di cui è protagonista. In un’ora oltre 6500 commenti che vanno dallo sconcerto alla rabbia. «Indegno… fomentatore di odio .. ormai davvero non fa neanche ridere… penoso e livoroso… ma per molto tempo dovrà digerirti… siamo solo all’inizio un abbraccio e querelaaaaaaaa» oppure «È un delinquente psicopatico a piede libero». Più articolato un altro internauta:  Quindi, se questo individuo fa capire che della legittima difesa non ha capito …nulla.., perché dovrei spiegarle meglio il concetto di legittima difesa? NON CAPIREBBE. Quindi, posso solo augurarle di avere tante matite per continuare a disegnare e non pensare»

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • freddi 7 marzo 2019

    la pena che fà quest’uomo è senza limiti ma lo capisce o no che fà solo ridere

    • Francesco Storace 8 marzo 2019

      Più schifo che pena

  • Luciano Vignati 7 marzo 2019

    Purtroppo Vauro da piccolo è caduto dal seggolone e da sempre ha dato segni di instabilità mentale. Inoltre è anche un maiale comunista e gli dispiace che i suoi simili sono stati estromessi dalla fattoria Italia. Io consiglierei a Salvini di lasciarlo perdere così lui non si farà pubblicità gratis.

    • Francesco Storace 8 marzo 2019

      infatti, tanto i magistrati lo lasciano fare

  • Giuseppe Tolu 7 marzo 2019

    Animale più schifoso di questo non esiste al mondo; essere strisciante maleodorante puzzolente caffone maleducato ignorante abominevole cavernicolo sinistroso . Essere pieno di zecche, pidocchi e alcol non ti dà il diritto di fare quello che vuoi con chi ti pare e piace, ma che ci vuoi fare, il partito che ti appoggia è solo degno di te: pezzente!

    • Francesco Storace 8 marzo 2019

      insomma, gliele hai dette tutte

    In evidenza