Feltri: «L’Islam è pericoloso, solo gli imbecilli non se ne accorgono. E processano me»

giovedì 14 marzo 13:58 - di Gabriele Alberti

«Mentre perseguitano un cronista perché afferma la verità, in Iran è stata inflitta una pena detentiva di 38 anni, con l’ aggiunta di 148 frustate, alla signora Nasrin Sotoudeh, 55 anni, avvocato di grido e difensore strenuo delle donne iraniane, dei loro diritti umani, di cui lo Stato musulmano se ne infischia ritenendoli capricci femminili». Quel “cronista” è Vittorio Feltri e il passaggio è un brano del suo editoriale su Libero  in cui ripercorre la vicenda per la quale è stato processato dall’ Ordine dei giornalisti della Lombardia. «Un articolo poco simpatizzante nei confronti degli islamici, specialmente terroristi e violenti di ogni genere- ammette Feltri – . A giorni mi arriverà la sentenza in cui si dirà che ho offeso la dignità di un popolo e di una religione, quando invece personalmente ce l’ ho soltanto con gli assassini e chi trasforma la fede in un alibi per commettere delitti».

L’Ordine condanna me e dimentica gli scempi dell’Iran

Feltri, dunque, mette sotto i riflettori la punizione gravissima a cui l’Iran ha condannato Nasrin Sotoudeh, rilevando come sia il simbolo «di una situazione la cui gravità sfugge solamente agli imbecilli che tutelano l’ inciviltà orrenda di un Paese – la ex Persia – col quale l’ Italia ha intessuto rapporti commerciali intensi, fottendosene di trattare affari con un regime privo di un minimo di moralità». Feltri stigmatizza come la stampa nostrana non abbia dato il giusto risalto alla notizia: fa un’eccezione per il Corriere della Sera, ma gli ricordiamo che anche sul Secolo d’Italia la notizia è stata data con evidenza e con gli accenti di condanna del caso. Per il resto Feltri ha ragione.  «Non un comunicato, non una frase solidale nei riguardi della vittima, zero. Però – rileva il paradosso Feltri – processa me in quanto sul mio quotidiano ho espresso riprovazione verso una cultura, quella musulmana, che permette scempi del tipo che ho narrato in queste poche righe». E conclude augurandosi che i Soloni dell’ Albo «prendano atto della realtà emergente dalla citata storia iraniana per farsi un esame di coscienza, ammesso ne abbiano una».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • mario 16 marzo 2019

    Feltri è unico e non per niente veniva proposto come Presidente della Repubblica. Certo meglio la mozzarella insipida di oggi per i peracottai al comando………..

  • Paola 16 marzo 2019

    D’accordo con ORIANA FALLACI e FELTRI!!!!!!

  • Giovanni 15 marzo 2019

    VITTORIO FELTRI, ORIANA FALLACI….DUE VOCI SCOMODE PER L’ITALIA comunista E PER L’eurasia……!!!!!……

  • Freddy 14 marzo 2019

    Vittorio e’ come la Fallaci entrambi lucidi e profetici nelle loro esternazioni, mentre coloro che dovrebbero rendersene conto abbaiano alla luna, poveretti

    • Francesco Storace 14 marzo 2019

      vero

    In evidenza