Caso-Battisti, è rimasto solo Vauro a negare l’evidenza: nessuna condanna senza appello…

martedì 26 marzo 19:01 - di Redazione

Mentre il terrorista Cesare Battisti continua a parlare, a confessare, a difendere le sue azioni, l’unico a negare l’evidenza è ancora una volta Vauro. “Non si può dire con certezza cosa ci sia dietro le ammissioni di Cesare Battisti. L’impressione è che si tratti di una persona che ha avuto tutto il tempo per esternare il suo pentimento”. Lo sottolinea Vauro Senesi, tra i firmatari dell’appello promosso nel 2004 a favore dell’ex terrorista dei Pac da un gruppo di “intellettuali”. “Non è che un sentimento del genere arriva di punto in bianco, potrebbe trattarsi di una strategia per ottenere sconti di pena ma nessuno può affermarlo senza la minima incertezza”, aggiunge il vignettista. “È molto difficile dire cosa sia successo e non è il caso di fare condanne morali senza appello, perché nell’animo umano ci sono risvolti talmente complicati che ergersi a giudici del comportamento degli altri è molto difficile. Quello che posso dire – puntualizza – è che 15 anni fa, quando fu promosso quell’appello, certi comportamenti discutibili di Battisti che hanno provocato la reazione dei parenti delle vittime non si erano ancora manifestati. Mi rendo conto che è difficile perdonare, c’è chi avendo fede ci riesce, supera certi stati d’animo e non si lascia vincere dal rancore”. E Battisti parla: “Io non sono un killer ma sono stato una persona ha creduto in quell’epoca nelle cose che abbiamo fatto e quindi la mia determinazione era data da un movente ideologico e non da un temperamento feroce, quando in una cosa sei deciso e determinato. A ripensarci oggi provo una sensazione di disagio ma all’epoca era così”. È questa parte del verbale dall’interrogatorio che Cesare Battisti, detenuto a Oristano, ha reso davanti ai magistrati di Milano lo scorso 23 marzo. Così l’ex terrorista dei Pac, che per la prima volta ha ammesso le sue responsabilità rispetto a quattro omicidi per i quali sta scontando l’ergastolo, replica al pm che lo ha accusato di freddezza nel compiere le sue azioni. Tempismo perfetto, troppo persino per non suscitare dubbi in garantisti della prima ora come Sansonetti o Raimo: “Io ho sempre contestato il processo a Battisti, a mio avviso condannato senza alcuna prova, un processo durante il quale furono violate le norme di diritto”. Lo ha detto Piero Sansonetti, direttore di Il Dubbio, in merito alla confessione di Battisti dei delitti per i quali è stato condannato e le scuse. “La sua ammissione dei delitti e le scuse sono probabilmente strategici. – continua Sansonetti – Non sarebbero sinceri, ma si tratta solo di un’atto per aver sconti di pena, per evitare il carcere duro del 41bis o simili. Il problema è come furono fatti i processi in quegli anni. Fuori da ogni garanzia, calpestando i diritti del presunto omicida, quindi per me sono nulli e da rifare”. Dello stesso tenore l’opinione dello scrittore Christian Raimo che nel 2004, insieme ad altri “intellettuali”, firmò un appello a favore dell’ex terrorista dell’organizzazione Proletari Armati per il Comunismo. “Penso che la confessione di Battisti sia un risarcimento per le vittime e per lo Stato italiano. Sono perplesso però sul modo in cui questa confessione è arrivata, dopo alcuni mesi di isolamento, al 41 bis, di fatto un carcere disumano”. La pensa così lo scrittore, che si sofferma poi sulle motivazioni che hanno indotto Battisti ad ammettere le sue responsabilità: “Dopo mesi di carcere in quel modo – afferma – io stesso direi di aver sparato al Papa e di essere Ali Agca pur di rivedere i miei figli e la mia compagna”; comunque, prosegue, “sarei indifendibile da tutti i punti di vista. Battisti non era da decenni il rivoluzionario combattente, un criminale di fatto, una persona che rivendicava l’illegalità. È chiaro che non aver partecipato a un processo è una sua responsabilità”. Ed è chiaro, aggiunge lo scrittore, “che le responsabilità di Battisti siano evidenti”.


                
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • salvatore 27 marzo 2019

    ma VAURO durante gli anni di piombo dove era?

  • Giuseppe Tolu 27 marzo 2019

    Questo è capace di negare la sua stessa esistenza per il partito, va beh, tanto …

  • Paolo Mario Pieraccini 27 marzo 2019

    Vauro è affetto da fanatismo cupo e cieco,va lasciato cuocere nel suo brodo perchè con il suo comportamento porta voti alla destra,un pò, mutatis mutandi, come la Boldrini.

  • Giuseppe Tolu 26 marzo 2019

    Pidocchioso essere!

  • In evidenza

    contatore di accessi