Alba tragica a Palermo, il colpo al minimarket finisce nel sangue: ucciso il rapinatore magrebino

martedì 12 marzo 9:00 - di Greta Paolucci

Alba tragica a Palermo, e quando è ancora tutta da chiarire la dinamica del tentativo di furto in un minimarket nel centro di Palermo, che ha portato all’uccisione del presunto rapinatore magrebino, una sola cosa è certa: il tentato assalto all’attività commerciale gestita da cittadini del Bangladesh, è finito nel sangue…

Palermo, tentato colpo al minimarket: muore rapinatore magrebino

Dunque, la giornata palermitana si apre nel segno della violenza: omicidio all’alba di oggi nel centro storico della città dove un uomo, di nazionalità maghrebina, avrebbe tentato di rapinare un minimarket in via Maqueda, ma dopo una colluttazione tra i presenti è stato ucciso. Non solo: nel caos della situazione sono rimaste ferite anche due persone: un dipendente e un avventore. Sul luogo la polizia di Stato che sta eseguendo i primi rilievi, mentre le indagini tradizionali sono affidate condotte dagli agenti della squadra mobile che stanno cercando di ricostruire la dinamica della sparatoria.

Nella colluttazione restano feriti anche un dipendente e un avventore

In base alle prime frammentarie notizie che trapelano dalla scena del crimine, l’uomo, come stanno ricostruendo gli uomini della Mobile, è entrato ubriaco nel negozio cercando di farsi consegnare l’incasso. Ma tra il rapinatore di nazionalità maghrebina e il titolare, bengalese, sarebbe nata una colluttazione alla quale si sarebbe aggiunta anche una seconda persona, probabilmente un avventore. Ad avere la peggio è stato il malvivente che è morto mentre le altre due persone sono rimaste ferite. L’uomo potrebbe essere stato colpito da un coccio di vetro. Sul cadavere verrà ora seguita l’autopsia.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza