Abbiamo le foto del corpo devastato di Pamela. Ma non è giusto mostrarle

mercoledì 20 marzo 15:03 - di Francesco Storace

E’ un mestiere infame, quello del giornalista. Ma non può diventare qualcosa di maniacale, come strumento per attirare la morbosità altrui per qualche copia in più venduta in edicola o una valanga di clic se online. Ancora una volta di fronte ad una scelta di rispetto, il Secolo d’Italia decide per il buonsenso. Abbiamo – da nostre fonti – le tante foto del corpo devastato di Pamela Mastropietro e scegliamo di non gettarle in pasto alla rete.

L’orrore di quelle immagini

Le possediamo da diversi giorni. E da giorni ci maceriamo, ma non possiamo far provare ad altri l’orrore che evocano quelle immagini. Magari qualche altro avrà meno scrupoli di noi, ma non sempre si fa quello che conviene. Si fa quello che è giusto.
Sappiamo però che quelle fotografie, con i pezzi del corpo di quella povera ragazza, con le valigie che contenevano i resti martoriati di Pamela, sono in buone mani, quelle dei giudici di Macerata, chiamati a decidere sulla responsabilità dell’autore di quella bestiale opera di sezionamento della salma. E’ il nigeriano Oshegale ad aver distrutto il cadavere. E nessuno può toglierci dalla testa che chi ha fatto una roba del genere non sia la stessa mano che ha ammazzato Pamela a coltellate.

Quella barbarie da punire senza pietà

Pubblichiamo una foto nera, quasi ad oscurare quella testa, quelle gambe, quelle braccia, staccate dal corpo con inusitata freddezza e potremmo dire con l’abilità dell’esperto. Stamane l’udienza in tribunale era a porte chiuse. L’imputato, i familiari di Pamela, i giornalisti, la Corte, i legali, i consulenti medici. Orrore per tutti, e non certo anche per quel macellaio africano che ha persino la faccia tosta di sperare di cavarsela. Di fronte a quelle fotografie, c’è solo ribrezzo per come un essere umano può arrivare a massacrare un corpo rimasto senza vita. E’ la barbarie che merita di essere punita senza alcuna pietà.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • PIERO 21 marzo 2019

    DOVREBBERO FARE LA STESSA FINE CHI LI HA FATTI VENIRE!!! NON PENSATE??
    CHE DELINGUENTI ASSASSINI I COMUNISTI

  • In evidenza