2 agosto ’80, la Procura potrebbe “incastrare” anche Massimo Palanca?

venerdì 29 marzo 13:54 - di Massimiliano Mazzanti

Riceviamo da Massimiliano Mazzanti e volentieri pubblichiamo:

Caro direttore,

Le foto che accompagnano l’articolo sono da giorni ripetutamente pubblicate dai quotidiani bolognesi ed emiliani, dovendo dimostrare che Paolo Bellini – personaggio dalla vita controversa, equivoca, prima criminale e poi da “collaboratore di giustizia” – sarebbe stato in qualche modo coinvolto nella Strage di Bologna. Procura generale e parti civili non hanno dubbi: l’uomo ritratto da un video amatoriale il 2 agosto alla stazione di Bologna, ritratto mentre dà una mano a soccorrere i feriti, a rimuovere le macerie, sarebbe, in realtà Bellini, cioè, uno degli attentatori. Certo, la somiglianza tra i due soggetti è innegabile, ma anche vaga, tanto che il terzo uomo ritratto nella foto che qui si aggiunge – quella di Massimo Palanca, leggendario attaccante del Catanzaro – dimostra ovviamente non che anche il calciatore anconetano prese parte all’attentato, ma come sia ridicolo costruire un’ipotesi su un dato tanto vago (capelloni ricci e baffoni erano tipici di migliaia e migliaia di ragazzi, tra la fine degli anni ’70 e i primi anni ’80). Per altro, se alla Procura generale si indagasse come si deve, si dovrebbe escludere a priori la possibilità che uno degli attentatori, dopo molto tempo dal fatto, fosse ancora sul luogo del delitto.

Il video da cui è stato tratto il fotogramma, pare proprio essere quello girato da Gian Paolo Testa, cinefilo all’epoca inquadrato tra gli intellettuale del Pci, ex-attendente di Eugene Dolmann durante la Rsi ed ex-collaboratore di Giorgio Guazzaloca nella prima e finora unica giunta non “rossa” di Bologna, il quale non ha mai raccontato di essere stato alla Stazione al momento dell’attentato; quindi, è presumibile che, sul luogo, il Testa sia giunto molto dopo le 10.25, quando certamente tutti i terroristi coinvolti nel vile gesto erano sicuramente scappati via. Di più. La “pista” che porterebbe a Paolo Bellini e, da questi, a Stefano Delle Chiaie e ad altri ex-esponenti dell’eversione degli ambienti di Avanguardia e Ordine nuovo non solo non è nuova; non solo fu lungamente esplorata e poi abbandonata dagli inquirenti; ma porterebbe, se avesse un qualche fondamento, lontanissimo da Gilberto Cavallini e dagli altri ex-Nar condannati in via definitiva. Curiosamente – o grottescamente, se si vuole -, la Procura generale sembra ripercorrere al contrario la strada che fu presa, dopo le improvvide dichiarazioni dell’allora primo ministro Francesco Cossiga – quelle che, poi, si rimangiò, chiedendo scusa al Msi-Dn -: anche nel 1980 si cominciò a indagare negli ambienti di On, in quelli presunti legati a Tuti o a Freda, per incastrare alla fine Giusva Fioravanti e i suoi sodali, dopo aver provate tutte le altre strade possibili; oggi, pur non mettendo in discussione le discutibilissime condanne definitive e cercandone addirittura una conferma col processo a Cavallini, si rispolverano anche tutte le vecchie alternative, assurdamente immaginate “in concorso” con la tesi prevalente.

Teoremi inaccettabili

Quel che è fastidioso, oltre che scarsamente accettabile dal punto di vista giuridico, è che, per disegnare questi teoremi, la Procura generale di Bologna è costretta a seminare dubbi o a chiedere la revisione di posizioni già archiviate a carico di persone morte da tempo, come nel caso dell’ex-procuratore di Bologna dell’agosto ’80, Ugo Sisti. E tutto questo riporta alla considerazione iniziale, enunciata in uno dei primissimi articoli di questa ormai lunga corrispondenza da Bologna, quando si evidenziò come a Bologna non si celebrassero “riti”, bensì “messe nere giudiziarie”. Diabolici meccanismi investigativi che, c’è da sperarlo, non coinvolgano, dopo la pubblicazione della sua foto, anche l’idolo dei “giallorossi” del Sud.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza