Venezuela, martedì 12 alla Camera sarà presentato il “Comitato per Guaidò Presidente”

lunedì 11 febbraio 19:32 - di redazione

Martedì 12 febbraio alle ore 13 alla Sala Stampa della Camera dei Deputati si terrà la conferenza stampa di presentazione del Comitato per Guaidó presidente promosso dal movimento di idee Nazione Futura e dal suo presidente Francesco Giubilei con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica italiana su quanto sta avvenendo in Venezuela e favorire il riconoscimento di Guaidó come Presidente ad interim al fine di traghettare il paese verso elezioni democratiche. In occasione della conferenza stampa verranno annunciate le associazioni e le personalità che hanno aderito al comitato e parteciperanno anche delegati della comunità italo-venezuelana.

L’iniziativa assume una particolare valenza perché per la prima volta riunisce i presidenti dei movimenti giovanili di Lega (on. Andrea Crippa di Lega Giovani), Forza Italia (Stefano Cavedagna diForza Italia Giovani) e Fratelli d’Italia (Fabio Roscani di Gioventù Nazionale) che aderiscono al comitato introdotti dal Responsabile di Nazione Futura Sud Italia Fabrizio Formicola e rinsalda il legame tra i partiti di centrodestra su un’importante questione di politica estera che tocca da vicino centinaia di migliaia di italo-venezuelani. Il comitato nasce in contatto con la comunità italiana in Venezuela,Francesco Giubilei, figlio di madre venezuelana nata da una famiglia di emigrati italiani, spiega le motivazioni che hanno portato alla creazione del comitato per Guaidó presidente: “Le drammatiche condizioni di vita del popolo venezuelano affamato dal governo di Maduro che in pochi anni ha portato più dell’80% della popolazione a vivere in povertà privando i cittadini dei beni di prima necessità e di gran parte dei propri diritti, necessitano una svolta nel governo del Paese”. Il diniego di indire nuove elezioni testimonia il clima antidemocratico che da anni vige nel paese dove Maduro è stato eletto con elezioni farsa caratterizzate da un clima intimidatorio e da brogli elettorali. “L’unica soluzione per cambiare le cose in Venezuela è un intervento da parte della comunità internazionale, purtroppo in Italia chi sostiene Maduro ha una scarsa conoscenza di quello che succede in Venezuela, delle reali condizioni di vita dei venezuelani, della criminalità che attanaglia la nazione e della povertà dilagante a causa delle scellerate politiche di Maduro. Il riconoscimento di Guaidó presidente è un’occasione unica per il popolo venezuelano”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza