Usa-Corea, salta l’accordo sul nucleare. Trump: «Con Kim posizioni ancora distanti»

giovedì 28 febbraio 9:42 - di Giorgia Castelli

Nessun accordo ad Hanoi. Il vertice fra Kim Jong-Un e Donald Trump si è concluso senza intesa, ha reso noto la Casa Bianca, precisando tuttavia che i due leader “hanno avuto incontri molto positivi e costruttivi”. In questa occasione “non è stato raggiunto un accordo”, si legge nella dichiarazione. «I due leader hanno discusso diverse possibilità per far progredire i temi legati alla denuclearizzazione e di carattere economico» si ricorda, sottolineando che «le delegazioni dei due Paesi puntano a nuovi incontri in futuro».

Corea, Trump: «Le sanzioni restano in vigore»

«Avevamo alcune opzioni, ma questa volta abbiamo scelto di lasciare», ha poi aggiunto il presidente americano nella conferenza stampa ad Hanoi dopo la conclusione del vertice. «Avremmo potuto firmare un accordo ma abbiamo ritenuto che non fosse la cosa giusta da fare. A volte è giusto lasciare e oggi è stato così». Gli Stati Uniti «non potevano cancellare tutte le sanzioni», che rimangono in vigore, e la Corea del Nord «non era pronta a fare tutto quello che chiedevamo noi», ha riassunto il presidente americano, sottolineando che i negoziati con Pyongyang proseguiranno.

Kim Jong-Un sarebbe stato disposto a smantellare completamente il sito nucleare di Yongbyon, ma in cambio chiedeva la cancellazione di tutte le sanzioni contro Pyongyang, ha rivelato Trump. Kim era disposto a rinunciare ad alcuni dei siti nucleari del suo Paese «ma non quelli che abbiamo chiesto noi. E non rinuncerò alle sanzioni per questo». Ecco perché «è meglio fare la cosa giusta che fare le cose velocemente», ha aggiunto. «Ho ritenuto che non era la cosa giusta firmare alcun accordo» ha ribadito Trump, assicurando che le carte erano già pronte e che, se lo avesse voluto, il vertice si sarebbe concluso con un accordo di qualche tipo.

Nessuna firma

Che ci fosse un fuoriprogramma nell’aria si era capito dal fatto che il presidente Usa aveva fatto ritorno al JW Marriott Hotel alle due del pomeriggio (le 8 di mattina in Italia): secondo il piano originale, Trump avrebbe dovuto partecipare a quell’ora con il leader nordcoreano a una cerimonia per la firma di un accordo a cui solo in seguito avrebbe fatto seguito la conferenza stampa.

Prima dell’inizio dei colloqui formali del vertice «un faccia a faccia esteso in seguito ai consiglieri», Trump ha sottolineato  di «non avere fretta, la velocità non è così importante per me», l’importante è arrivare a «un accordo solido» sul programma nucleare della Corea del Nord. E Kim ha detto di auspicare il raggiungimento di «risultati importanti, che siano positivi», anche perché «se non fossi pronto» per la denuclearizzazione, «non sarei qui» ha aggiunto Kim rispondendo, per la prima volta, alla domanda di un giornalista accreditato alla Casa Bianca al Sofitel Legend Metropol di Hanoi. «È di questo che stiamo discutendo ora».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi