Tirana, oppositori di Rama in piazza: assaltata sede del governo albanese

sabato 16 febbraio 14:27 - di redazione

Scontri e feriti a Tirana durante la manifestazione organizzata dall’opposizione per chiedere le dimissioni del governo del premier socialista Edi Rama. Secondo ‘Albania Daily News‘, almeno sei manifestanti e due poliziotti sono rimasti feriti nei tafferugli scoppiati quando qualche decina tra le migliaia di manifestanti scesi in piazza, ha cercato di entrare all’interno della sede degli uffici del primo ministro lanciando anche bottiglie molotov. A questo punto gli agenti posti a protezione dell’edificio hanno risposto usando gas lacrimogeni e idranti, si legge sul sito del ‘Tirana Times’.  “Solo con un piccolo tentativo, alcuni dimostranti hanno distrutto le barriere dalla polizia: questo è uno scenario criminale che è stato premeditato” è l’accusa lanciata dal presidente del Partito democratico, Lulzim Basha, che ha indetto la manifestazione contro il governo e che adombra l’ipotesi -si legge su ‘Albania Daily News‘- che la polizia non sia volutamente intervenuta per fermare per tempo i facinorosi. “I dimostranti si erano riuniti per manifestare senza violenza, ora la situazione è fuori controllo” ha aggiunto Basha. L’opposizione che manifesta a Tirana chiede le dimissioni del premier Rama e la formazione di un governo di transizione che prepari il Paese a nuove elezioni. Rama, ovviamente, non ci pensa nemmeno a dimettersi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *