Denunciati 3 tifosi laziali per la rissa al rione Monti: identificati dalle telecamere (video)

venerdì 15 febbraio 14:01 - di Redazione
La rissa al rione Monti a Roma, denunciati tre tifosi laziali

Sono collegati alle frange del tifo laziale le tre persone denunciate dagli agenti della Digos di Roma per la rissa nel rione Monti alla vigilia della partita di Europa League LazioSiviglia.
I tre tifosi sono accusati di lesioni personali aggravate e porto di oggetti atti ad offendere e sono stati individuati dagli investigatori grazie all’analisi delle immagini recuperate dalle telecamere di videosorveglianza presenti nell’area dove si è svolta la rissa.

Le successive perquisizione effettuate questa mattina, nelle loro abitazioni, dagli agenti della Digos, hanno permesso di trovare elementi utili alle indagini. Continua comunque l’esame delle immagini da parte degli investigatori per individuare ulteriori responsabili degli scontri che hanno portato al ferimento di quattro tifosi del Siviglia e di un turista americano, la cui presenza è risultata del tutto occasionale.

Tutto è iniziato, attorno alle 21, all’incrocio fra via Leonina e via dei Serpenti alla vigilia della partita che vedeva contrapposte la squadra italiana e quella spagnola all’Olimpico.
Il rione Monti, centro della movida romana, è diventato in un attimo una specie di campo di battaglia con un gruppo di 40 persone, travisate con i cappucci delle felpe abbassate sul volto, alcune impugnando coltelli, altri con bastoni e cinture, che entrava da un ristorante all’altro, da un bar all’altro, dando la caccia ai tifosi del Siviglia. Nella rissa che ne è seguita sono volati fendenti che hanno raggiunto quattro tifosi del Siviglia e un americano che si erano rifugiati nei locali per sfuggire alla furia del gruppo.
Ora la svolta investigativa con le prime denunce alle quali ne seguiranno, quasi sicuramente, altre. Gli agenti della Digos stanno raccogliendo tutte le testimonianze delle persone che hanno vissuto in presa diretta la rissa e la guerriglia urbana scatenata dal gruppo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi