Reddito di cittadinanza, così i grillini lo moltiplicheranno per gli immigrati

mercoledì 13 febbraio 18:09 - di Il Cavaliere Nero 😎

C’hanno la fissazione, c’hanno.

Sono i grillini, che quando  indossano l’abito del dissidente – ricordano gli antichi indipendenti di sinistra – puntano a fare seri danni. Diciamolo,  sono specialisti nella vocazione a distruggere.

Una delle più celebri vocate a mettere in discussione tutto, si chiama Paola Nugnes, una intrattabile senatrice del Movimento 5 Stelle. Appena sente parlare di immigrati intona a mo’ di Mario Merola “torna, ‘sta casa aspetta a te”. Ormai non passa giorno senza che non avverta il dovere di pensare a tutti tranne che agli italiani. Infatuata com’è dei clandestini di tutto il mondo, nostra signora del dissenso si esibisce anche nel decretone che raggruppa il reddito di cittadinanza e quota 100. Non sia mai si debbano scordare di lei…

Il provvedimento in questione sta in commissione lavoro, la Nugnes l’ha scartabellato e al momento giusto ha piazzato il suo colpaccio, tanto per far inquietare un bel po’ di nostri connazionali.

Reddito e pensione di cittadinanza – ha scritto in un emendamento che ovviamente ha pensato bene di depositare – devono finire anche nelle tasche degli immigrati residenti da solo due anni in Italia e a quelli titolari di un permesso per asilo politico o protezione sussidiaria. 

Non poteva mancare tanto di motivazione allegata alla norma, in cui si sottolinea come il requisito della residenza decennale sia “incostituzionale e contrario al diritto sovranazionale” mentre quello che esclude i titolari di asilo politico sia contrario alle disposizioni Ue. E ti pareva che si faceva trovare impreparata per la ghiotta occasione.

Ovviamente la sinistra cavalcherà l’emendamento per incunearsi nella maggioranza, che sul tema sta dando vita di divisioni niente male.

Certo è che se dovesse passare una cosa del genere i gialloverdi dovrebbero nascondersi: perché è quello che hanno negato finora. Magari qualcuno potrebbe pensare che questa Nugnes sia tutt’altro che dissidente, ma semplicemente l’esecutrice della volontà dell’anima grillina, sempre più rossa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi