Paura nel mondo del cinema hard: celebre pornostar ha l’Hiv

sabato 16 febbraio 19:10 - di Redazione

La notizia è stata data in Italia in anteprima dal sito di gossip Dagospia. Una delle pornostar più note a livello internazionale è risultata positiva al test Hiv, il virus che causa l’Aids. L’indiscrezione, che ha destato grande allarme nel mondo del cinema hard, riguarda Nacho Vidal, considerato il Rocco Siffredi spagnolo. Non a caso è il quotidiano iberico El Nacional ad avere fornito la notizia in anteprima.

Chi è Nacho Vidal

Nacho Vidal ha recitato in oltre seicento film e con moltissime attrici di diverse nazionalità, quindi è facilmente intuibile come la notizia abbia destato grande preoccupazione in tutto il mondo del cinema hard. Adesso tutti gli attori, anche quelli che non hanno lavorato direttamente con lui, dovrebbero sottoporsi a degli esami. Le produzioni dei film sarebbero state messe in pausa per un mese in tutta Europa.

La smentita della mamma della pornostar

El Nacional ha interpellato direttamente Vidal, popolare in Spagna anche per aver partecipato all’edizione iberica dell’Isola dei Famosi, reality nato sulla scia di quello italiano, il quale non ha voluto commentare la notizia: «Non so dove abbiate ottenuto questa informazione – ha detto – ma è di pessimo gusto, non voglio dire nulla. Grazie». A difendere l’attore è scesa in campo la madre, anche lei sentita dal giornale: «Non è affatto vero e un’informazione di questo genere lo danneggia come attore».

Profilattici obbligatori per le pornostar: il referendum in California

Due anni fa la California (zona di produzione della stragrande maggioranza dei film a luci rosse) indisse un referendum “Proposition 60” per imporre gli attori di film porno di indossare il preservativo. I produttori avrebbero dovuto pagare per le vaccinazioni e i test degli attori, e sarebbero stati ritenuti responsabili del mancato utilizzo dei profilattici. Ma tutto questo non diventerà realtà: con circa il 54 per cento ha vinto il fronte di quei californiani che hanno voluto lasciare tutto come è adesso.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *