L’Anpi parla di foibe in un liceo romano. Blitz del Blocco studentesco (video)

venerdì 22 febbraio 13:07 - di Eleonora Guerra

Blitz del Blocco studentesco in un liceo di Roma, dove a parlare di foibe era stata chiamata l’Anpi. I ragazzi del Blocco hanno fatto irruzione nell’Aula magna del “Giordano Bruno”, alla Bufalotta, denunciando la vergogna del negazionismo portato avanti dall’associazione dei partigiani e la «scellerata decisione del sindaco Raggi» di affidare proprio a loro le conferenze che dovrebbero approfondire il tema dell’esodo e dell’eccidio degli italiani sul confine orientale. «È assurdo che una simile tragedia venga ancora lasciata raccontare dalle parole di chi vorrebbe sminuirla e renderla oggetto di negazionismo», ha spiegato il responsabile del Blocco studentesco, Marco Ciurleo, ricordando i diversi episodi di negazionismo firmati Anpi che si sono verificati anche nelle scorse settimane, a ridosso del Giorno del Ricordo. 

«La storia non va infangata: nelle foibe 10mila morti italiani»

L’azione è stata ripresa in un video, postato sulla pagina Facebook dell’organizzazione studentesca di CasaPound. Nel filmato si vedono i ragazzi del movimento entrare decisi ma pacificamente nell’aula magna, tenere uno striscione contro il negazionismo e spiegare le ragioni dell’intervento. Altrettanto chiaro appare che i liceali non si scompongono più di tanto, mentre ad agitarsi in maniera piuttosto sguaiata è una donna adulta. La si vede avventarsi sul ragazzo del Blocco che tiene il megafono, mentre l’audio rimanda una voce femminile che urla «ma chi cazzo siete?» e il ragazzo che replica «la storia non va infangata, signora. La storia non va infangata: più di 10mila morti italiani. Più di 10mila morti italiani».

Il Blocco studentesco contro i «vecchi tromboni» negazionisti

«A 70 anni di distanza dagli avvenimenti c’è chi ancora vorrebbe mantenere viva e vegeta la retorica della rivincita jugoslava», ha quindi sottolineato Ciurleo, chiarendo che «l’azione, condotta in modo pacifico anche se determinato, si è conclusa interrompendo questa assurda lezione, provando a spiegare davvero ai ragazzi cosa furono le foibe». «Contro questi vecchi tromboni, che infangano quotidianamente la memoria di chi subì violenze e soprusi solo perché italiano, aldilà del pensiero politico, non possiamo che opporci. E continueremo a chiedere che siano solamente le associazioni degli esuli, come il Comitato 10 febbraio, a tramandare agli studenti romani la memoria di quell’immane tragedia che furono le foibe», ha concluso il responsabile del Blocco Studentesco.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *