La sinistra s’inventa il “selfie” anti-Salvini con insulto: “Foto? Grazie, sei una mer…” (video)

mercoledì 20 febbraio 14:33 - di Robert Perdicchi

Da sinistra gli strumenti a disposizione per contrastare l’avanzata leghista si contano ormai sulla punta delle dita, ecco perché conviene attrezzarsi con strumenti manuali, tipo i cellulari, per tirare trappole a Matteo Salvini, da gettare poi in pasto ai social. Il tam tam di queste ore, sulle bacheche dell’opposizione di sinistra a governo, invita a imitare i ragazzini che in questi giorni hanno teso delle “trappole” a Salvini attraverso i cellulari, con la richiesta di un selfie che in realtà nascondeva un video in registrazione, da concludere con ironie o offese al leghista.

Qualche giorno fa, durante la visita del ministro in Sardegna a Ozieri, un ragazzino si è avvicinato al titolare del Viminale per chiedergli una foto per poi azionare il cellulare e trasformare la foto in video e concludere con la frase: “Più accoglienza e più 49 milioni”. E Salvini? Gli ha detto “bravo, bravo…” e se n’è andato, ma la clip girata in provincia di Sassari è stata poi postata sui social dove è diventata virale, fino a trasformare il ragazzino in una star che ha rilasciato anche interviste. “Ho avuto l’occasione di esprimere la mia davanti a lui in modo corretto, senza insulti, offese né contestazioni plateali. E l’ho fatto. Poi – ha detto a Repubblica – ha avuto una diffusione che mai avrei immaginato. È stato un modo concreto per realizzare il diritto di libera espressione. Prendo il lato buono: il video è visto da tanti e può esser commentato, magari può stimolare qualche riflessione”.

In rete circola anche un altro video, quello di una ragazza che si è finta fan del vice-premier e poi lo ha insultato. Salvini, guardando la telecamera, dice: “Mi fido di voi e di lei”, ma lei lo gela. “Posso dirti anche io una cosa? Sei una merda letale”. A questo fenomeno di insulto da strada, Il Fatto Quotidiano ha dedicato un lungo articolo (Qui il video con l’insulto “sei una merda”)

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi