È morta Jeraldine Saunders. Creò “Love Boat”, la serie tv cult degli anni ’80 (video)

martedì 26 febbraio 17:18 - di Gianluca Corrente

Mare, profumo di mare, un cult per molte generazioni di giovanissimi. Incollati alla tv per seguire Love Boat, una serie di enorme successo, ambientata sulle crociere. Il mondo della cultura e dello spettacolo ha dato l’addio alla scrittrice statunitense Jeraldine Saunders. Fu l’autrice del romanzo che ispirò l’omonima soap opera. È morta nella sua casa di Glendale, in California all’età di 96 anni. Nello scorso mese di dicembre Saunders aveva subito un intervento chirurgico per l’asportazione di calcoli renali ed è deceduta in seguito a complicazioni legate all’operazione. A portare il libro sul piccolo schermo fu Aaron Spelling: 250 episodi, dieci stagioni, tramessi dalla rete americana Abc dal 1977 al 1987. La serie è stata diffusa sulle tv di 111 Paesi e in Italia nel 1980 debuttò su Canale 5 con la sigla “The love boat (Profumo di mare)” cantata da Little Tony, che tornò a scalare le classifiche.

Love Boat, il telefilm
che fece sognare gli italiani

Il telefilm di grande successo si svolge sulla nave Pacific Princess, in cui i passeggeri e l’equipaggio hanno avventure romantiche e divertenti. La particolarità della serie tv era costituita dal fatto che il cast dei passeggeri, che cambiava di puntata in puntata, era costituito da attori famosi (tra gli altri Jamie Lee Curtis, Joan Collins, Mickey Rooney, Vincent Price, Michael J. Fox, Leslie Nielsen, Tom Hanks, Ursula Andress, Zsa Zsa Gábor, Lana Turner, Shelley Winters, Gina Lollobrigida). I personaggi fissi della serie erano i membri dell’equipaggio: il capitano Merrill Stubing, la direttrice di crociera Julie McCoy, il barista Isaac Washington, la figlia del capitano Vicky Stubing, il dottore Adam Bricker e Burl Gopher Smith.
L’esperienza di Love Boat, per la scrittrice, fu diretta. Di fatto la Saunders è stata una dei primi direttori donna nel mondo delle crociere. Alla fine degli anni sessanta lavorò su una nave italiana dove iniziò come hostess. In quel periodo scrisse il primo capitolo del suo più noto romanzo diventato in seguito un bestseller. Amori, intrighi e avventure: la scrittrice per descrivere la vita di bordo e per tratteggiare la figura del capitano della Pacific Princess, Merril Stubing, si è ispirò proprio all’atmosfera respirata sulla nave italiana, ai suoi ufficiali e al suo comandante.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *