È l’incubo dei milanesi, denunciata già 30 volte, la ladra rom beccata di nuovo non va in cella: è incinta

martedì 12 febbraio 12:39 - di Redazione

Era il terrore dei passeggeri che, quotidianamente, sfidavano la sorte andando a prendere la metro. Un curriculum da borseggiatrice professionista, quello della ladra rom di origine bosniaca 36enne che, di viaggio in viaggio, di furto in furto, era diventata inquietantemente famosa nelle fermate e nei vagoni del convoglio cittadino e non solo per la destrezza delle sue “mani di velluto”: la donna, infatti, vantava tra i suoi record “criminali” anche il fatto di essere stata già denunciata per ben 30 volte per furti, compresa l’ultima. Eppure, neanche stavolta finirà in cella in quanto in stato interessante…

Denunciata 30 volte, ladra rom evita l’arresto perché incinta

Proprio così, è incinta? Dunque, nonostante la “carriera” da borseggiatrice e il cumulo di denunce a suo nome, la 36rom di origine bosniaca che, ancora una volta appena domenica scorsa – come riportano il Corriere della sera e Il Giornale che rilanciano la vicenda – ha rubato il portafogli ad una ragazza che si trovava alla fermata Cadorna della metro, ha scivato l’arresto e l’ha fatta franca. Un’altra volta… Fermata dai carabinieri e arrestata alla fermata Garibaldi dopo la denuncia della sua ultima vittima, la borseggiatrice rom è stata portata in caserma dove i militari non hanno potuto far altro che constatare il cumulo di denunce e di fermi (pare siano stati già una trentina gli arresti collezionati dalla ladra 36enne) a suo nome, pari a circa nove anni di pena da scontare. Accertamenti finiti nel nulla quando, ritrovatasi al cospetto di un giudice per le procedure per direttissima partite dall’arresto in flagranza di reato, la borseggiatrice è stata rilasciata a piede libero. Il motivo? La rom è incinta, e almeno fino al prossimo 21 giugno non potrà varcare la soglie di un carcere. Mentre potrà tornare ad aggirarsi furtivamente tra le banchine della metro, immune al fermo grazie alla gravidanza, e certamente prontamente a riprendere la sua attività…

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi