Caso Diciotti, Gasparri: «In Giunta un lavoro egregio. Faremo giurisprudenza sulle immunità»

martedì 19 febbraio 17:17 - di Redazione

“Dibattito serio e ricco di spunti, presenterò la mia relazione arricchita dagli spunti emersi nel dibattito, ad esempio sul tema della compressione della libertà, che per me non c’è stata”. Lo dice il presidente della Giunta delle elezioni e delle immunità Maurizio Gasparri, al termine del voto sul caso Diciotti. “È una vicenda inedita – aggiunge Gasparri – faremo giurisprudenza.  Sono molto lieto che la mia proposta sia stata accolta, abbiamo fatto ottimo lavoro”. “La mia proposta è stata approvata e quindi la Giunta chiederà all’aula di non autorizzare il processo al ministro Salvini perché ai sensi della legge costituzionale del 1989 si ritiene che ci siano delle esimenti che riguardano la tutela di un rilevante interesse pubblico e che ci sia stata un’azione di governo orientata ai principi fondamentali della Costituzione”.

«Il Pd contesta? Vuole coprire le sue difficoltà»

“Nei prossimi giorni -ha aggiunto il presidente della Gounta – depositerò la relazione sulla quale l’aula del Senato, entro i prossimi trenta giorni dovrà pronunciarsi”. Gasparri ha evidenziato che il suo mandato di relatore è stato votato anche dal Pd: “Lo considero un atto di rispetto personale… Poi ce l’hanno con Giarrusso, quelli ce l’hanno con Renzi… Io non ce l’ho con nessuno. Devo applicare le regole della Costituzione, della legge e del regolamento”.  Gasparri commenta anche le contestazioni dei parlamentari piddini a margine dei lavori della Giunta. “Il Pd ha fatto questa contestazione forse per coprire le loro difficoltà di queste ore”.  : “Lo dico da giornalista che vede i fatti”.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro Collavini 20 febbraio 2019

    Fareste bene anche ad punire il procuratore che ha portato la Vs. Giunta ha decidere contro un Ministro che hA SOLO FATTO L’INTERESSE NAZ.LE. Anzi arriverei a consigliarVi di indirizzare qualche altro Procuratore ad indagare perchè quello fatto prima da Kienghe, Boldrini etc. si che è contro l’interesse dello stato ed andrebbero pertanto processati, sempre che la Vs. Giunta dia il benestare.

  • Luca Granelli 19 febbraio 2019

    …ma cosa dice quest’uomo!?! : …..la Giurisprudenza la fanno i Tribunali e la Cassazione non la fa una giunta che non fa parte dell’apparato Giudiziario…Come è possibile che sia ancora in circolazione…!?!…ma non doveva avanzare il Nuovo che avanza.!?!?
    Se una parte del trenta per cento che non ha votato la scorsa volta si va ad aggiungere ai M5S scontenti alle prossime locali ed europee che succede?!

  • In evidenza