Affitto ridicolo per una casa in centro di un ente per ciechi: nella bufera un consigliere vicino a De Magistris

giovedì 28 febbraio 19:31 - di Marta Lima

Un appartamentino in centro, a via Vittoria Colonna, nel quartiere di Chiaia. Canone annuale di 4800 euro, 400 euro mensili, di proprietà di una fondazione che si occupa di ciechi e disabili. Questo “privilegio” tocca a un consigliere comunale di una lista, “Agorà”, che sostiene il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, Carmine Sgambati, accasatosi con la fondazione Strachan-Rodinò onlus, un “ente di diritto privato controllato dal Comune”. Il consigliere, già protagonista della cronaca per aver organizzato il fantacalcio nell’aula del Consiglio Comunale, si difende come se non esistesse neanche un problema di opportunità. «Vivo in fitto in una casa di un ente, è vero. Mica è vietato a un consigliere comunale? Qual è il problema, non capisco», sono le parole pronunciare dal consigliere Sgambati al giornalista di Repubblica Napoli. «La fondazione avrà 30-40 immobili, dove vivono e hanno vissuto in fitto anche altri componenti del cda. Di cosa stiamo parlando? Io non ho mai fatto nulla di male. Nella mia vita non ho pagato solo una multa ed Equitalia ora vuole 216 euro ” . E conclude: ” Si vuole che abbandoni questa casa? Di questo parliamo? Devo andare a vivere per strada?», si giustifica il consigliere.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi