Sea Watch, blitz di 3 deputati: ignorano i divieti e salgono a bordo. Salvini: la Ong ha disobbedito, ho le prove (Video)

domenica 27 gennaio 11:21 - di Ginevra Sorrentino

Blitz di 3 parlamentari (con una delegazione) sale a bordo della Sea Watch: il video in diretta su Facebook

Neanche il tempo di salire a bordo della nave della Ong tedesca battente bandiera olandese che il video dell’attracco e del blitz viene postato su facebook quasi inj diretta con lo svolgersi dell’azione da Frantoianni e noi, qui di seguito, lo riportiamo accompagnato dai commenti dei parlamentari promotori dell’iniziativa “disobbediente”, la cui matrice dissidente è confermata dalle parole di uno dei 3 parlamentari che dichiara: «Sono a bordo nonostante il divieto delle autorità che sabato hanno impedito che potessimo esercitare le nostre prerogative costituzionali. Ora verificheremo la situazione a bordo e continuiamo a chiedere – conclude Fratoianni, via Facebook – che i naufraghi e l’equipaggio siano fatti sbarcare in rispetto delle norme internazionali». E di “situazione difficile” a bordo della Sea Watch parla all’AdnKronos anche Riccardo Magi, deputato radicale di +Europa: ci sono «decine di persone» in un unico ambiente… e «stiamo parlando con alcuni migranti, ci stanno raccontando le loro storie». Non si sottrae al confronto anche l’azzurra Prestigiacomo che a bordo del gommone che la sta portando a bordo della nave Ong, racconta: «C’è mare brutto e fa molto freddo: noi siamo perché scendano tutti a terra, dando la precedenza ai minori, ma che scendano tutti», dice in una nota Stefania Prestigiacomo di Forza Italia, a bordo con Fratoianni, Magi, il sindaco di Siracusa, la mediatrice culturale Alessandra Sciurba, l’avvocato Nicoletta Piazzese e lo psichiatra Gaetano Sgarlata. E ancora: «Non si potevano comprimere le nostre prerogative parlamentari che ci consentivano di salire a bordo e così siamo saliti», afferma la Prestigiacomo, mentre in contemporanea il partito di cui la deputata fa parte, prendendo le distanze dal blitz, si dice «sorpreso e spiazzato» dall’iniziativa dell’ex ministro Prestigiacomo, anzi, come riferisce l’Adnkronos in questo frangente, «autorevoli fonti azzurre definiscono infatti autonoma e non concordata l’iniziativa della deputata azzurra».

Salvini sul blitz e sul caso Sea Watch: la nave ha disobbedito e messo a rischio l’equipaggio. Le prove a disposizione dell’autorità giudiziaria

Ma l’ultima parola, come ovvio, spetta al ministro Salvini che, nello snocciolare i dati degli sbarchi, ricorda: «I dati parlano chiaro: in 7 mesi di governo, sull’immigrazione abbiamo portato poche parole e tanti fatti. Facciamo vedere questi numeri a qualche buonista in malafede?», dice il ministro dell’Interno sulle sue pagine social dove spiega, con un video, i numeri in calo degli sbarchi, passati da 119.000 del 2017 a 23.000 del 2018, e dei morti in mare diminuiti da 210 del 2017 a 23 nel 2018». quindi l’affondo finale riservato al caso Sea Watch: «Abbiamo elementi concreti per affermare che, mettendo a rischio la vita delle persone a bordo, il comandante e l’equipaggio della Ong Sea Watch 3 abbiano disubbidito a precise indicazioni che giorni fa li invitavano a sbarcare nel porto più vicino (non in Italia!), prove che verranno messe a disposizione dell’autorità giudiziaria». Non solo: nel’affermare quanto appena riferito in una nota, il titolare del Viminale aggiunge e conclude: «Se così fosse saremmo di fronte ad un crimine e ad una precisa volontà di usare questi immigrati per una battaglia politica, un fatto gravissimo. Ribadisco il mio impegno a difendere i confini, la salute e la sicurezza del popolo italiano: non sarò mai complice degli scafisti e di chi li aiuta».

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giorgio Preda 27 gennaio 2019

    Silvio fai una telefonata , magari è la Cortellesi.

  • In evidenza