Salvini: «Renzi e Saviano mi vorrebbero nudo e affamato. Si mettano l’anima in pace»

martedì 22 gennaio 11:05 - di Gabriele Alberti

Ospite a Mattino 5, Matteo Salvini parla a tutto campo, dall’attacco del Fondo Monetario internazionale che ha indicato l’Italia come uno dei fattori di rischio per la salute dell’Unione; alla politica migratoria, alle accuse dell’opposizione sul piano personale e politico, fino al “duello” con la Francia che tiene banco in queste ore. Il vicepremier Salvini concorda con il collega Di Maio nel confronto con Parigi sullo “sfruttamento” di alcuni paesi del Continente africano, querelle aperta da Fratelli d’Italia.

«Lezioni da Macron non ne prendo»

«Le cause delle migrazioni sono diverse», ha spiegato Salvini dagli schermi di Canale 5: « In Africa c’è gente che sottrae ricchezza quei popoli, la Francia è evidentemente tra questi. In Libia la Francia non ha nessun interesse a stabilizzare la situazione, perché ha interessi petroliferi opposti a quelli italiani. Io ho l’orgoglio di governare un popolo generoso, solidale, accogliente e lezioni di bontà e generosità non ne prendiamo da nessuno, men che meno dal signor Macron», ha detto il ministro dell’Interno a Mattino 5. «Non prendiamo lezioni dalla Francia – ha insistito Salvini – che ha respinto in questi anni decine di migliaia di migranti alla frontiera di Ventimiglia, compresi donne e bambini, riportandone alcuni di notte nei boschi piemontesi e lasciandoli, come se fossero bestie. Quindi lezioni da Macron non ne prendo», ha sibilato Salvini.

Salvini: «Questi signori dell’Fmi non stanno bene»

Ha spiegato inoltre che «Più persone partono, più ne muoiono. Li salviamo in mare e poi li riportiamo indietro, come ha fatto la Guardia costiera libica. Chi veramente vuole il bene del continente africano e della sicurezza dei cittadini italiani, fa di tutto per evitare che i trafficanti di esseri umani continuino nei loro loschi affari. I porti italiani per i trafficanti sono e rimangono chiusi», ha ribadito poi Salvini intervenendo anche sul Fondo monetario internazionale: «Questi signori dell’Fmi non stanno bene, l’economia italiana è sana, gli italiani sono il popolo che risparmia di più al mondo. Hanno sempre sbagliato le previsioni, questi professoroni negli ultimi 10 anni non hanno mai azzeccato una previsione.
Inevitabilmente l’intervista va sugli attacchi reiterati che Salvini si porta sulle spalle quotidianamente, dalle polemiche sulle divise indossate, alle immagini postate sui social che stanno diventando l’unico argomento per gente come Saviano &Co. Salvini replica e sfida:

«A Saviano e Renzi dico che…»

I suoi nemici? Si mettano l’anima in pace e non si illudano di farlo fuori con le loro patetiche bordate: «Ieri ho mangiato puntarelle con acciughe assolutamente eccezionali ma non ho potuto mettere la foto sui social, altrimenti Saviano e Renzi si indignano. Per Renzi e Saviano il ministro dell’Interno non dovrebbe mangiare e dovrebbe andare in giro nudo, perché non si può mettere giacche e camicie», replica Salvini, che poi passa a un altro tema che sa a cuore agli italiani: «Entro febbraio conto di mantenere anche quest’altra promessa che abbiamo fatto agli italiani riguardo le norme sulla legittima difesa. Parliamo di una legge normale, che copia altre leggi che sono in vigore in altri Paesi europei, che non invita a sparare in mezzo alla strada e non invita nessuno a comprarsi un’arma ma prevede il legittimo diritto alla difesa della proprietà e della famiglia, senza dover rischiare di dover andare in giro per tre anni nei tribunale, pagando gli avvocati. Se un rapinatore se la va a cercare io ho diritto di difendermi», ha specificato il ministro dell’Interno.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza