Prende a testate uno della squadra avversaria: allenatore squalificato fino a giugno (video)

lunedì 28 gennaio 19:21 - di Ernesto Ciecaquaglia

Testate degne di una rissa al bar. Non c’ è più controllo di nervi in campo. L’allenatore della Lucchese, Giancarlo Favarin, è stato squalificato fino al 30 giugno 2019 dal giudice sportivo della serie C, dopo la rissa scoppiata al termine della partita pareggiata con l’Alessandria. Favarin è stato punito “per aver proferito durante la gara espressioni blasfeme; per aver invitato un proprio calciatore a ‘spaccare le gambe’ ad un avversario; allontanato dall’arbitro iniziava una polemica verbale con un tesserato della squadra avversaria al culmine della quale colpiva quest’ultimo con una violenta testata al volto facendolo cadere a terra”, come si legge nelle motivazioni.

Altra testata nei campi di calcio

Il giudice sportivo ha inoltre inflitto cinque giornate di squalifica a Jonathan Rossini, difensore dell’Albissola, “perché negli ultimi minuti di gara in reazione ad un comportamento ostruzionistico dell’allenatore della squadra avversaria colpiva lo stesso prima con una violenta testata sul volto e poi con un pugno all’altezza dello zigomo. Nella successiva colluttazione con tesserati della squadra avversaria indirizzava verso uno di questi uno sputo che lo raggiungeva sulla coscia”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza