Renzi finalmente “festeggia” una vittoria: ha battuto Lino Banfi in un sondaggio…

mercoledì 23 gennaio 14:32 - di Marta Lima

“Meglio Renzi presidente del Consiglio o Lino Banfi rappresentante dell’Italia all’Unesco?”. Il sondaggio lanciato da un esponente grillino, Carlo Sibilia, voleva essere un giochino per prendere in giro l’ex premier ma alla fine si è trasformata nell’unica, magra vittoria di Renzi negli ultimi anni. Ha vinto lui, nel giorno in cui sul web ci si sbellicava per la nomina dell’attore pugliese come rappresentante italiano all’Unesco. Come a dire, tra lui e l’altro, almeno come premier, meglio l’altro, Renzi, nonostante sia al momento il più impopolare dei politici italiani, forse secondo solo alla Boldrini.

Va detto che Renzi, intervenendo sul tema della nomina di Banfi, ha capito che sarebbe stato meglio sorvolare sulla sua “vittoria” contro Banfi, ma ha ribaltato la questione sul governo: “Fa meno danni Lino Banfi all’Unesco di quanti ne facciano Di Maio e Salvini nelle istituzioni europee”, ha detto l’ex segretario del Pd in un video pubblicato su Facebook. “La politica estera è una cosa seria e non prenderla sul serio porta all’isolamento del Paese. E’ quello che sta avvenendo in Italia oggi – ha sottolineato l’ex segretario dem -. Germania e Francia intanto si mettono insieme. Merkel e Macron, mano nella mano ad Aquisgrana, vanno avanti insieme, sanno che il futuro è fatto di collaborazione. Noi invece abbiamo Di Maio che attacca Macron e rompe una politica di settant’anni di amicizia tra noi e la Francia”. Festeggia, Renzi. E si gasa con Banfi…

 

 

 

“Dall’altra parte abbiamo Salvini che attacca i tedeschi che decidono di andarsene dalla missione Sophia sull’immigrazione, quella che doveva combattere gli scafisti. L’unico atto di politica estera ieri fatto dal governo è la nomina di Lino Banfi all’Unesco. Nomina discutibile – ha detto Renzi -. Ma certo fa meno danni Lino Banfi all’Unesco di quanti ne facciano Di Maio e Salvini nelle istituzioni europee”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza