«Ministro, ma chi le scrive questa roba?»: Bignami sveglia Tria sulla fattura elettronica (video)

giovedì 10 gennaio 13:46 - di Redazione

Nel video il ministro Giovanni Tria parla alla Camera e smentisce che, in relazione alla nuova fattura elettronica, vi siano stati disservizi da parte dell’Agenzia dell’Entrate, aggiungendo anche che non sono giunte segnalazioni in merito. Intanto, sullo schermo, il volto del ministro va in dissolvenza e iniziano a passare gli screenshot del sito dell’Agenzia in tilt, dei titoli di giornali sugli esposti dei consumatori, delle notizie sulle resse agli sportelli fisici per assolvere alle nuove incombenze amministrative.

«Ministro, ma chi le scrive questa roba?»

Il montaggio, certo, è malizioso. Ma, d’altra parte, Galeazzo Bignami, il deputato di Forza Italia che ha interrogato Tria sui disservizi e poi ha prodotto il video, lo ha ricordato anche nel suo intervento in aula: «Di questa vicenda se ne sta occupando anche la satira». «Ma chi le ha scritto questa roba, ministro?», ha chiesto Bignami, dopo le rassicurazioni di Tria. «Come si fa a dire che non ci sono problemi, quando abbiamo migliaia di segnalazioni in merito? Voi siete lì per tutelare il popolo italiano, non l’Agenzia delle Entrate», ha proseguito Bignami, invitando il ministro a «smettere di parlare di semplificazione per la burocrazia e iniziare a farlo per i contribuenti, per i cittadini, per chi lavora».

Chi paga per il caos sulla fattura elettronica?

Altro che difesa d’ufficio dell’Agenzia delle Entrate, dunque. Per Bignami per i disservizi che si stanno verificando «bisognerebbe prendere il direttore dell’Agenzia delle Entrate per un orecchio e chiedergli: “Ma che stai combinando?”». «Noi abbiamo una certezza: chi ha emesso queste disposizioni non ha mai fatto una fattura», ha concluso Bignami, promettendo che «continueremo a chiedere le dimissioni di chi sbaglia, perché chi sbaglia paga e il direttore dovrebbe andarsene».

Video

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza