L’esercito contro la mafia nigeriana, Meloni strappa un sì al ministro: «Ma Saviano con chi sta?» (video)

mercoledì 16 gennaio 19:27 - di Leo Malaspina

«Se c’è un’organizzazione paramilitare come la mafia nigeriana che ha deciso di occupare un pezzo di territorio italiano come Castel Volturno per farci la Capitale dello sfruttamento di essere umani e dell’espianto di organi, Fratelli d’Italia crede che lo Stato italiano debba rispondere con fermezza. E la fermezza chiede la presenza dell’Esercito perché l’Esercito serve anche al controllo dei confini e a difendere il territorio nazionale dagli invasori». Nell’aula della Camera il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, replicando al ministro della Difesa Trenta nel corso del question time presentato da Fdi sull’utilizzo dell’Esercito a Castel Volturno, ha ribadito l’idea che contro le gang mafiose nigeriano vadano usate le maniere forti.
«Fratelli d’Italia ringrazia il ministero della Difesa -ha aggiunto Meloni- della disponibilità ad utilizzare gli uomini dell’Esercito a Castel Volturno contro la mafia nigeriana e interrogherà il ministro dell’Interno Salvini per capire se c’è questo intendimento da parte del governo. Noi crediamo che ci debba essere perché a Castel Volturno si stima la presenza di 25 mila immigrati clandestini e 22 mila case occupate e c’è un controllo ormai totale da parte di un’organizzazione criminale internazionale, che ha deciso di mettersi a fare a casa nostra il traffico di essere umani, di organi e di donne portate in Italia e costrette a prostituirsi con i riti vodoo». «Tutto questo -ha proseguito- avviene nel silenzio dei grandi sostenitori dell’accoglienza e dell’antimafia a giorni alterni, che fanno finta di non vedere la mafia nigeriana. Mi piacerebbe sapere dove sono i De Magistris e i Saviano quando si parla di questi temi. E mentre qualcuno vuole mandare i militari a tappare le buche che la Raggi non sa tappare da sola, noi pensiamo che i militari debbano andare a cacciare la mafia nigeriana da Castel Volturno», conclude il presidente di Fratelli d’Italia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Luciano Vignati 18 gennaio 2019

    Saviano sta con la mafia nigeriana, coerente e logico per una testa da comunista che odia tutti quelli che non la pensano come lui

  • Mauro Garlaschelli 17 gennaio 2019

    …INFINITAMENTE D’ACCORDO CON GIORGIA MELONI…

  • Silvia Toresi 17 gennaio 2019

    Più che giusto On. Meloni!!!! Di questa situazione sono responsabili anche coloro che indiscriminatamente fanno o hanno fatto entrare chiunque in Italia.

  • pietro meucci 17 gennaio 2019

    Sempre grandissima Giorgia.
    Grazie di esistere.

  • Carlo Cervini 17 gennaio 2019

    Da troppi anni l’Italia è il Paese delle Banane, vessatore e protervo con i deboli e magnanimo con i furbi e i lazzaroni; capace di mettere solo tasse su tasse sugli onesti per mantenere grassatori e sperperatori………………e da ora in poi, con questa “classe di Sgoverno” ne vedremo delle belle.

  • Rodolfo Ballardini 17 gennaio 2019

    Biasognerà vedere con quali vincoli e quali regole d’ingaggio sarà impiegato l’esercito. avrà davanti una organizzazione armata che non esita a squartare e non ha scrupoli nell’uccidere. Se lo si manda con mille pastoie e divieti, meglio tenerlo in caserma. Ma soprattutto deve essere tenuto indenne dalle procure rosse che non essendo ancora intervenute a Castel Volturno, troveranno facile berssaglio nei militari. Quibndi prima il governo deve dichiare lo stato di emergenza di tutta la zona interessata e passare la gestione ai militari escludendo prefetture anzi mettendo agli ordini della gerarchia competente la questura e tutte le forze di polizia con contemporaneo trasferimento alla procura militare la gestione delle competenze. E le mamme devono sapere che qualche figlio in divisa potrà morire o essere ferito.

  • Lisetta 17 gennaio 2019

    Infatti e anche presto. Tutti rimpatriati o a fare lavori socialmente utili per quella zona.

  • In evidenza