L’asso nella manica di Putin? Le sanzioni non stanno danneggiando l’economia russa. Anzi…

sabato 26 gennaio 14:32 - di Tito Flavi

Un bel paradosso è stato rilevato in questo inizio 2019 da diversi analisti internazionali: le sanzioni non stanno affatto danneggiando l’economia russa. Anzi sembrano giovarle. È l’asso nella manica di Putin.Di un paradosso in realtà non si tratta. E per più di un motivo. Tanto per cominciare, le sanzioni occidentali non colpiscono l’esportazione di gas e di petrolio, che rappresentano il grande vantaggio  strategico di Mosca. Ciò non sarebbe peraltro neanche concepibile, vista la dipendenza energetica dell’Europa dalla Russia. Quindi, mancando questa condizione fondamentale, le sanzioni anti-Putin nascono già come un’arma spuntata.

I vataggi economici del rublo debole

Ma c’è di più. Le misure punitive volute dagli Usa e applicate anche dall’Ue,  hanno avuto un imprevisto effetto “collaterale”, vale a dire un rapporto di cambio tra rublo e monete estere del tutto favorevole all’economia della Russia. A rilevarlo, sul quotidiano on line Affaritaliani.it,  è un esperto di finanza internazionale:Hugo BainSenior Investment Manager di Pictet Asset Management: «Avendo contribuito a mantenere il rublo debole -osserva Bain-  le sanzioni hanno paradossalmente contribuito a mantenere il bilancio del governo in attivo, visto che le sue spese sono in una valuta locale depressa, mentre i ricavi sono in valuta forte. Un allentamento delle sanzioni potrebbe condurre a un significativo apprezzamento del rublo, che è l’opposto di quanto vogliono i responsabili della politica russa».

La Borsa di Mosca attrae investitori

A tonificare  l’economia russa è anche la politica fiscale voluta da Putin, una politica che avvantaggia sia le famiglie sia le imprese. Uno  dei sintomi più evidenti dello stato di salute economica della Russia è il fatto che la Borsa di Mosca comincia ad attrarre sempre più capitali esteri. Il 2018 è astato un anno  d’oro per il mercato russo. E altrettanto si ettende per il 2019. «Il mercato azionario russo -osserva sempre Bain – paga circa il 7% in termini di dividendi rispetto  al 3% dei mercati  emergenti in generale. Si tratta di un premio storicamente elevato». Alla fine le sanzioni antirusse, le soffrono principalmente le aziende europee, con in testa quelle italiane. Ed è questo il vero paradosso, quello più fastidioso da rilevare.

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ADRIANO AGOSTINI 27 gennaio 2019

    Infatti. La Merkel, la sapientona, la burattinaia, quella che vuole tirare tutti i fili, che ha voluto, per i suoi interessi in Ucraina, mettere le sanzioni alla Russia (e l’Europa, inclusa l’Italia del governo di sinistra, prona) ha fatto i conti senza l’oste e cioè la sua dipendenza alla Russia per il gas.

  • A.Crusca 26 gennaio 2019

    Certo ” è astato un anno d’oro” soltanto dei poveri ignoranti non hanno ancora capito che imporre le “sanzioni” è ESATTAMENTE come se la Russia avesse imposto dei DAZI DOGANALI… SVEGLIA
    Infine: dopo il punto alla fine di una frase, non si inizia quella successive con la “e” congiunzione. Di economia non capite nulla ma anche in grammatica lasciate a desiderare.

  • In evidenza