La moglie di Jean-Marie Le Pen presa a pugni, colpita con un casco e poi derubata

martedì 29 gennaio 11:29 - di Fortunata Cerri

Aggredita e poi derubata. La vittima è la seconda moglie di Jean-Marie Le Pen. La donna è stata brutalmente aggredita sabato scorso a La Celle-Saint-Cloud, nelle Yvelines. Come riportano i media francesi Jany Le Pen, 86 anni, era intenta a parcheggiare l’automobile intorno alle 13 quando un uomo le si è avvicinata colpendola con un pugno e poi con il casco. Una volta rubata la borsa, l’uomo è scappato su uno scooter guidato da un complice. I due ladri, dopo aver rubato la borsa, hanno poi prelevato 2410 euro con il bancomat di Jany Le Pen.

Jean-Marie Le Pen: «Ha reagito al suo aggressore»

Lo storico leader del Front National ha pubblicato un proprio comunicato sul sito e sul proprio profilo Twitter affermando che sua moglie «ha reagito sportivamente al suo aggressore con atteggiamento deciso e coraggioso». Per Jany, le conseguenze dell’aggressione sono state meno gravi del previsto: la donna se l’è cavata con una contusione al gomito sinistro e forti dolori alla cervicale. Ma le lesioni potevano essere sicuramente maggiori e più gravi. Ora il commissariato di Versailles ha dato il via alla caccia per prendere gli aggressori.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza