Il triste obiettivo politico del Pd: nascondere il simbolo alle Europee con la scusa del “listone”

sabato 12 gennaio 10:17 - di Leo Malaspina

Le elezioni europee del 26 maggio irrompono nel dibattito congressuale Pd. A fare lo scarto in avanti è Nicola Zingaretti che lancia la proposta di una lista unitaria con “il protagonismo degli intellettuali del mondo della ricerca e della scuola, del mondo del lavoro, dei giovani e dell’associazionismo”. Un progetto aperto tanto che il governatore del Lazio mette sul tavolo anche il simbolo del Pd: «Non è un dogma, ma questo poi lo decideremo».

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza