Il pacifista Gino Strada prende la mira e spara: «Questo è un governo di fascisti e coglioni»

lunedì 21 gennaio 12:53 - di Romana Fabiani

Ha esagerato. Ha straparlato. Ha offeso. Volontario, pacifista, abituato a salvare bambini dalle ferite di guerre, diventa di una violenza inaudita. Gino Strada dà al governo del fascista e del coglione. Non è la prima volta che il popolare (e stracoccolato) fondatore di Emergency si scaglia contro il pericolo di una destra radicale e “becera” e dà lezioni di politica in tema di sbarchi e immigrazione. Anzi, è la ragione per la quale viene invitato in radio e televisione come testimonial del buonismo intelligente (se esiste). Ma questa volta ha preso la mira e spararo ad alzo zero. «Gli esseri umani non sono sacchi di patate, che vengono dirottati, tu ne prendi 10, io 15. Ma dico siamo impazziti? Questo è un mondo di barbari. Qui stiamo tornando con le stesse logiche di tempi che speravamo non dovessero più ripresentarsi. Questa idea di un’Europa che si chiude con muri è un’idea che ha un nome molto chiaro: l’idea della fortezza europa è un’idea hitleriana», dice intervistato da Radio Capital. Poi dà il meglio di sé quando Massimo Giannini da studio lo incalza per un giudizio sul governo.

Strada: è un governo di fascisti e coglioni

«Siamo di fronte a un governo razzista e fascista che non ha nessun problema a lasciar morire persone. Non è una grande novità perché questo terreno è stato preparato dal governo precedente e dal ministro degli Interni precedente». E i grillini (che lo incoronarono possibile candidato alla presienza della Repubblica con le quirinarie )? chiede un Giannini compiaciuto. «Il Movimento 5 stelle sulla linea di Salvini è un segnale terribile. Quando alla fine si è governati da una banda dove una metà sono fascisti e l’altra metà sono coglioni non c’è una grande prospettiva per il paese». Anzi forse c’è: Gino Strada invita a una nuova resistenza, un fronte partigiano per affondare il nemico. «I cittadini devono organizzare una resistenza di fronte a questa nuova barbarie, a questo nuovo fascismo misto a incompetenza e a bullismo che sta dilagando. Credo che gli italiani non siano questi mostri che vengono dipinti, ma siano sempre stato un popolo molto solidale e aperto. Sarebbe ora di farsi sentire. Mi rifiuto di credere che in Italia ci sia stato questo cambiamento antropologico in pochi anni».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro Collavini 23 gennaio 2019

    In Italia non siamo cambiati! Possiamo essere fascisti ma non razzisti, e se non vogliamo più clandestini è perchè ci siamo accorti del grosso affare per voi ONG che incassate ed il pessimo per noi che paghiamo. Tra l’altro in un mondo in cui per guadagnare devi investire noi italiani abbiamo avuto il peggior PIL di tutta l’Europa buttando soldi per i clasndestini e non avendone poi per gli investimenti. Inoltre con la politica dei salvataggi abbiamo solamente invitato a venire un sacco di africani che tra l’altro non sono gli africani bisognosi che muoiono perchè non c’è cibo o acqua bensi gli africani che stanno comunque abbastanza bene e che per qualche ragione volevano andarsene; Tra questi anche un sacco di ex galeotti. Gino Strada vai a quel paese

  • Paola 23 gennaio 2019

    Queste offese fatte da “gino straducola” sono un grosso complimento per me, tanto più che sono appoggiate da il piccolo giannini!!!!!
    Evviva!!!!!

  • Luciano Vignati 22 gennaio 2019

    Il mio commento da cittadino non fascista, un poco coglione perché pago tutte le tasse, non ho mai rubato, tutti gli anni faccio beneficenza e pratico la sussidiarietà. “Evidentemente, presumo che anni e anni di droghe, leggere e pesanti hanno influito sullo stato mentale del povero Gino Strada”. Dobbiamo comunque sopportarlo e compiangerlo.

  • Giuseppe Forconi 22 gennaio 2019

    Purtroppo e’ vero, quando l’eta senile si fa strada nel cervello di un essere umano, eccoti che le stron….te vengo fuori a raffica. Da persona per bene e stimata si passa ad essere la piu’ imbecille. La fregatura che ci sono una infinita’ di personaggi che applaudono a queste stron…te !!

  • sergio 22 gennaio 2019

    …..”QUOS DEUS PERDERE VULT; DEMENTAT PRIUS …”…!!!
    …coloro che Dio ha deciso di abbandonare, come prima cosa li rende pazzi….!!!!

  • contetadino 22 gennaio 2019

    Ne devi fare ancora parecchia di strada…

  • LORENZO 22 gennaio 2019

    ma, scusate, nessuno lo arresta?

  • rino 22 gennaio 2019

    E lui una delle teste bacate che hanno rovinato il paese. Queste associazioni dette no profit avrebbero meritato l’aumento delle tasse, come tutti i lavoratori, tassati e anche loro no profit, ma si è messa in mezzo la corazzata del Vaticano e non è stato possibile:occasione persa.

  • Giuseppe Tolu 21 gennaio 2019

    E dimmi caro Gino, tu, cosa saresti! Ah già, finita la pacchia anche per te vero? Questo è il parlare dei mangiapane a tradimento, miserabile fannullone. Come ti permetti di apostrofare il governo con simili parole? Una querela da parte del governo sarebbe il minimo. Cos’è, non rende più il ristorante siciliano?

  • In evidenza