Giorgia Meloni: “Ora basta, dobbiamo liberare Salvini dall’abbraccio mortale con il M5S…”

giovedì 31 gennaio 14:03 - di antonio pannullo

In una lunga intervista video con l’AdnKronos Giorgia Meloni fa il punto della situazione. E lo fa senza giri di parole: Bisogna “liberare Salvini dall’abbraccio drammatico coi 5 Stelle”. Lo dice ad Adnkronos Live Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia. E per farlo c’è un solo modo, dice la Meloni: l’obiettivo di Fratelli d’Italia, in vista delle prossime elezioni europee, è “affermarsi come secondo movimento del centrodestra”. “Quello che sta facendo Fdi è lavorare per costruire un’alternativa, lavorare per costruire un secondo grande movimento del centrodestra che possa allearsi con la Lega e avere la maggioranza che serve per dare all’Italia un governo capace di fari i suoi interessi”, ha detto ancora. Rispondendo a una domanda sulla durata dell’esecutivo Conte, la presidente di Fratelli d’Italia dice: “Non penso che sia mio incarico fare pronostici. Non tifo neanche contro il governo… spero che il governo faccia bene, fin qui ha fatto alcune cose che abbiamo condiviso – come la politica migratoria e di sicurezza, anche se imperfetta – mentre non abbiamo condiviso le materie economiche: i provvedimenti del governo sono stati e saranno disastrosi”. “Penso che il governo arriverà alle elezioni europee, quello che accadrà dopo dipenderà dal risultato delle europee”, aggiunge.

Annunciando la sua candidatura alle prossime europee, la Meloni annuncia: “Vado in Europa per cambiare tutto. Penso che debba finire un’Europa a uso e consumo di Francia e Germania”. Con l’accordo di Aquisgrana, rimarca Meloni, “Merkel e Macron fanno un super Stato nella Ue” ma noi “non siamo colonie francesi e tedesche”. Tronando alla vicenda di Salvini, Giorgia Meloni sottolinea: “La scelta di far valere l’immunità parlamentare è personale, su questo non entro. Evidentemente ha le sue ragioni… sempre meglio parlare con gli avvocati in certe occasioni”. Risponde così, ad Adnkronos Giorgia Meloni, alla domanda se il ministro dell’Interno abbia fatto bene a cambiare idea sulla richiesta di autorizzazione a procedere nei suoi confronti per il caso Diciotti. E poi sottolinea: “Certo non mi metto a sindacare la scelte che fanno gli altri, faccio solo notare che sulla Sea Watch ci sono andati 6 parlamentari. Ieri è stato l’anniversario della morte di Pamela Mastropietro… io sono stata al suo funerale e a quello di Desirée Mariottini. Nessuno di questi parlamentari ha ritenuto di presentarsi ai funerali di una ragazza drogata, stuprata e ammazzata da immigrati clandestini”, ha concluso la Meloni.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • marco bianchi 31 gennaio 2019

    Salvini ha fatto un atto di governo.Ha fatto benissimo a voler essere giudicato dal Parlamento. Anche se la mancanza di senso istituzionale e di biliosità rende il pd peggiore del pci.Si dimentica che la Procura aveva motivato con dovizia la mancanza di competenza della magistratura.Se l’azione di un governo o di un Ministro non piacciono si chiede la sfiducia non si ricorre al “braccio secolare”.Così il Parlamento nega sé stesso come espressione della sovranità popolare.Trovo strano che tutti discutano degli aspetti più o meno politici non vedendo il vero problema.Per il dopo 5stelle,basta che non c’entri il “sovranista dell’ ue”.Quello che in anni di governo ha fatto nulla e con Monti,Letta e Renzi ha completato l’opera.

  • In evidenza

    contatore di accessi