Fanno il digiuno per i migranti, sono quattro gatti e sui social li massacrano: “Str…”

martedì 29 gennaio 14:06 - di Milena De Sanctis

Ennesima pagliacciata. O meglio, una vera e propria sceneggiata. È il turno del digiuno social per i migranti, fatto dagli “umani” contro i “disumani”. Una giornata intera senza mangiare per manifestare solidarietà ai migranti e protestare contro la scelta del governo di non far sbarcare i 47 a bordo della Sea Watch, bloccata da diversi giorni al largo di Siracusa. Si chiama #cipassalafame l’iniziativa lanciata il 21 gennaio da un post del giornalista di Vita Non Profit Daniele Biella. Ma a partecipare sono i soliti quattro gatti. Per tutta la giornata, solo 1.500 persone in tutt’Italia hanno aderito allo sciopero della fame, postando sui social foto di piatti e bicchieri vuoti. Sui social, naturalmente, senza nemmeno una controprova. L’iniziativa, spiegano i promotori Martina Cera, Donata Columbro, Claudia Vago, Claudio Riccio, Giulio Cocchini, nasce «in solidarietà con tutti i migranti già in Italia e in Europa, che vedono la loro ricerca di una vita migliore ostacolata da leggi ingiuste e controproducenti». Per partecipare basta saltare un pasto e condividere sui social l’hashtag #cipassalafame accompagnato dalla foto di un piatto vuoto. Chi vuole può donare quello che ha risparmiato non mangiando a una delle organizzazioni che si occupano di salvataggio in mare dei migranti, organizzare una raccolta alimentare e donare il ricavato a una delle associazioni che lo possono distribuire oppure organizzare una “cena a digiuno” per coinvolgere amici, familiari e conoscenti.

Migranti, le critiche sui social

Sui social non manca chi storce il naso. Scrive un utente su Twitter: «I buonisti si inventano una nuova buffonata: il digiuno per manifestare vicinanza ai migranti e attaccare le politiche sull’immigrazione di Salvini. Una mobilitazione da Zelig!». E un altro boicotta l’iniziativa: «Oggi me magno primo, secondo e contorno. Pur di non creare nessun problema a questo stato di cose vi inventate le peggiori str…».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • tesoro 29 gennaio 2019

    Teste di comunisti.